III serata del Magna Graecia Film Festival: sul Red Carpet, Francesco Pannofino e Mia Benedetta

0
534

Si è tenuta ieri la terza giornata del Magna Graecia Film Festival, con la conduttrice Carolina Di Domenico. Nel pomeriggio, presso l’Hotel Perla del Porto di Catanzaro Lido, si è svolto l’appuntamento del filone “Magna Graecia Book Festival” con la presentazione del libro “Peraspina Perapoma” di Antonio Petrocelli – attore di cinema e teatro – edito da Treditre Editori. Insieme all’autore, Andrea di Consoli, direttore artistico, ed Edvige Vitaliano, giornalista de “Il Quotidiano del Sud”.

Antonio Petrocelli, ph. Antonio Raffaele

Peraspina Perapoma è una raccolta di poesie in cui Petrocelli riesce a ridare gloria alla lingua dei padri poeti di Lucania. L’autore ha ricevuto in serata il Libro d’Oro, un premio alla carriera: <<Lo premiamo sicuramente per la sua carriera di attore straordinaria, ma principalmente per il fatto che è uno dei pochi attori che ha una sensibilità poetica letteraria straordinaria. Non sono tanti gli attori che hanno questo tipo di sensibilità, lui ce l’ha>>.

Nella splendida cornice dell’Area Porto di Catanzaro Lido, dopo il consumarsi del tramonto sul mare, è iniziata la terza serata del MGFF. È il direttore artistico, Andrea Di Consoli, il primo a salire sul palco: <<Noi guardiamo tutti i film, ascoltiamo la radio, andiamo al teatro, guardiamo le serie su internet, ma non discutiamo mai di quello che guardiamo. Anche la televisione la guardiamo molto, ma non la riflettiamo, non la discutiamo. L’idea quindi è stata quella di creare un primo festival interamente dedicato ai libri che parlano di questi argomenti, quindi di spettacolo sostanzialmente, che diventa un’occasione in più per discutere. Perché non basta guardare un film. […] Bisogna ritornare a discutere del cinema, non soltanto guardarlo, non soltanto dire che è meraviglioso un film. Bisogna tornare a riappropriarsi di una grammatica, perché sennò andiamo avanti a superlativi, per esagerazioni che non servono a niente. […] Sono convinto che il Magna Graecia Film Festival crescerà, perché credo molto in Gianvito, credo molto in questo festival e in questo territorio>>.

Le tematiche sociali del MGFF

Sul palco del MGFF anche le tematiche sociali: la presentazione dello sport solidale “Gli Insuperabili”, una scuola calcio per ragazzi disabili. Più di 500 atleti in 15 città italiane che giocano, si allenano e crescono, un calcio aperto a tutti, senza barriere e senza pregiudizi: <<L’obiettivo è quello di portare il calcio, che è lo sport più bello che ci sia al mondo, alla portata di chiunque. A calcio tutti quanti sognano di poter giocare e, fino a sette otto anni fa, per le persone con disabilità questo era molto complicato. Allora abbiamo pensato di prendere spunto da un modello straniero e portarlo in Italia, per dare la possibilità a chiunque di poterlo vivere e di poter apprezzare quello che di bello è un gioco di squadra, come il calcio. Siamo partiti da Torino e, ad oggi, abbiamo 13 sedi attive su tutto il territorio. Dal prossimo anno inaugureremo altre quattro sedi e siamo orgogliosi di poter comunicare che a Catanzaro nascerà la nostra quattordicesima sede – in collaborazione con l’AIPD, l’Associazione Italiana Persone con Sindrome di Down – che darà la possibilità a chiunque di poter giocare a calcio, anche ai ragazzi con qualsiasi tipologia di disabilità. Questo nasce anche grazie alla collaborazione delle Aquile di Catanzaro e della FIGC che ha sposato il nostro progetto>>.

È stata data anche un’anteprima del cortometraggio “Tappeto di Nuvole”, un lavoro scritto e diretto dal regista Andrea Paonessa, che nasce dall’idea di evidenziare la problematica della disabilità e che vede come protagonisti i “ragazzi speciali” dell’Unitalsi di Catanzaro: <<bisogna fare rete e lavorare insieme>>.

Sul red carpet Francesco Pannofino e Mia Benedetta

Francesco Pannofino

A sfilare sul red carpet è Francesco Pannofino, presente nel cast accanto a Stefano Fresi, nel film in concorso “L’uomo che comprò la luna” di Paolo Zucca, proiettato la scorsa domenica: <<Paolo Zucca è un regista e un autore particolare, fa dei film come non li fa nessuno e questo, per un artista, è una caratteristica importante. […] Il film parla di un pescatore poeta sardo che compra la luna per donarla alla sua amata […] però il mondo non è fatto solo d’amore, infatti si scatena una tempesta: la Cia, l’America, il Vaticano, la Russia, tutti vogliono sapere chi è che vuole comprarsi la luna. Però, sotto la minaccia di distruggere la Sardegna, i sardi si difendono. È un film che uccide tutti i luoghi comuni che accompagnano i sardi, ed è riuscito a piacere tantissimo a loro che non sono famosi per l’autoironia, però il regista – sardo anche lui – è riuscito a raccontarlo con tanto amore e tanta ironia, che persino i sardi hanno riso di loro stessi>>.

Mia Benedetta

I riflettori si accedono nuovamente sul red carpet con l’attrice Mia Benedetta, protagonista del film in concorso “Il grande salto”, di Giorgio Tirabassi: <<L’iniziativa di ospitare in questo festival le opere prime è molto valida, perché dietro un’opera prima c’è un lavoro doppio che dobbiamo far riconoscere […] è un’occasione straordinaria per un attore passare dall’altra parte, l’ho fatto anche io, da attrice posso dire che essere diretti da un attore ha un valore aggiunto, perché sai che cosa c’è dall’altra parte. Questo è un film a cui tengo molto, scritto da degli autori bravissimi, dallo stesso Giorgio Tirabassi, da Daniele Costantini e da Mattia Torre che purtroppo ci ha lasciato una settimana fa. È un film che parla della mala romana, ma non come siamo abituati a vederla. È una mala un po’ “sbidonata”, come si dice a Roma. I due protagonisti – Ricky Memphis e Giorgio Tirabassi – vogliono fare il “grande salto”, cioè la rapina del secolo […] nel cast anche Valerio Mastandrea e Marco Giallini. Un film antico che sarebbe piaciuto moltissimo a Scola, che avrebbe amato Moncelli e che ricorda molto Citti. E a me, ricordare questi nomi in un film contemporaneo, mi emoziona molto>>.

“Euforia” di Valeria Golino

Euforia di Valeria Golino

Prima dell’attesa proiezione del film “Euforia” di Valeria Golino, il MGFF ha dato spazio al cortometraggio “Leto”, della giovanissima regista Flavia Calabrese: <<è una storia che parla di come delle volte le relazioni tra persone che si vogliono bene, possono essere messe in difficoltà da alcune cose, in questo caso da una malattia. È un tema che mi è molto a cuore, perché certe volte si tende a fraintendere le persone, a prescindere da quello che sono e da quello che fanno, si pensa sempre il peggio senza dare il beneficio del dubbio […] ma alla fine l’importante è volersi bene e ritrovarsi>>.

La serata prosegue con la proiezione del film della Golino che ha ottenuto sei candidature ai Nastri d’Argento e 7 candidature al David di Donatello, incassando 1,7 milioni di euro, con la presenza speciale di Viola Prestieri, la produttrice protagonista del dibattito finale: <<Questo è il mio secondo film di Valeria Golino […] anche se l’argomento è un argomento difficile – sapendo come Valeria aveva fatto Miele – non avevo alcuna incertezza>>.“Euforia” è un film drammatico che racconta la storia di due fratelli – Matteo (Riccardo Scamarcio) ed Ettore (Valerio Mastandrea) – che ricreano il loro legame a causa di una situazione difficile, la malattia di Ettore, costringendoli a conoscersi e riscoprirsi, attraverso le proprie fragilità e la propria euforia.

Il programma di oggi:

Alle ore 12:00 la conferenza stampa all’Hotel Perla del Porto con Alessandro Haber e Alessandro Capitani (rispettivamente, attore e regista del film “In viaggio con Adele“). Modera la giornalista Chiara Fera. Alle ore 18:15 presentazione al Blanca Cruz di Caminia (CZ) del libro di Leonardo ColombatiBruce Springsteen. Come un killer sotto il sole” (Mondadori), con Andrea Di Consoli. Alle ore 21:30 la proiezione presso l’area porto di Catanzaro del documentario “Calabria delle meraviglie“, realizzato nell’ambito del piano di comunicazione del Consiglio regionale. Sarà presente il Presidente del Consiglio regionale Nicola Irto. A seguire, proiezione del film “In viaggio con Adele” di Alessandro Capitani. Ospite speciale della serata l’attore Alessandro Haber. Conduce Carolina Di Domenico. Dopo la proiezione del film, seguirà dibattito.

Leggi anche: XVI Edizione del Magna Graecia Film Festival, la rassegna cinematografica di Gianvito Casadonte

Commenti