Identità Future: allestito il Museo del borgo di Calosso

Inaugura a Calosso il museo “Memorie di futuro”. Sabato 9 luglio alle 18.30 l’incontro in Sala Don Monticone e il taglio del nastro

0
184
Identità future
Memorie di futuro, Museo di Calosso

Proseguono gli appuntamenti legati al progetto culturale Identità Future, articolata opera di recupero della memoria storica di Calosso. Un meraviglioso borgo adagiato in un panorama di vigne, sul crinale che divide la Langa astigiana dal cuneese. Giovedì 7 luglio alle 18 sarà presentato il volume Orizzonti di Bellezza. Calosso: un paese di memorie e di  futuro edito da Rubbettino. Scritto a quattro mani dall’Antropologo, già rettore dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Piercarlo Grimaldi e dal Sociologo dell’ambiente e del territorio, docente all’Università del Piemonte Orientale, Enrico  Ercole. L’incontro si terrà in via Milliavacca, 5 a Asti al circolo Acli, all’interno dell’iniziativa Senza perdere la tenerezza 2. 


Turismo nelle Langhe e nel Roero, un 2016 da record


Di cosa tratta il volume Orizzonti di Bellezza edito nell’ambito del progetto Identità Future?

Cinque capitoli, 160 pagine, il libro presentato al Salone del Libro di Torino a maggio è un’analisi tra storia e sociologia di Calosso e della sua comunità. Quindi un autentico inno alla meraviglia di luoghi, tradizioni, persone: la sintesi ideale  dell’articolato lavoro svolto negli anni per Identità Future. Con gli autori saranno presenti Salvatore Leto, già Direttore del Teatro Alfieri di Asti e  curatore del progetto, e Francesco Scalfari, Antropologo che modererà l’incontro. 

Il Museo Memorie di futuro a Calosso

A coronamento dell’intero progetto, sabato 9 luglio sarà finalmente inaugurato a Calosso il Museo Memorie di Futuro. Alle 18.30, nella sala don Monticone di piazza Sant’Alessandro, si ricapitoleranno i passi principali dell’azione. Seguirà l’atteso taglio del nastro del Museo. Spiega Salvatore Leto, anima del progetto. “Il comitato scientifico di Identità Future, Piercarlo Grimaldi, Enrico Ercole, Giorgio Conte, Giancarlo Ferraris, Adriano Da Re, Mauro  Ferro ha intervistando personaggi chiave della comunità. Hanno registrato commenti riguardanti i saperi che costituiscono il patrimonio culturale del  paese e le prossime traiettorie che il borgo persegue. Inoltre hanno effettuato rilevazioni di luoghi, archivi, musei, oggetti e immaginario popolare”

Un progetto realizzato col bando Luoghi per la Cultura

Il Sindaco di Calosso, Pierfrancesco Migliardi, commenta l’iniziativa. “Pubblico e privato hanno fatto rete per realizzare un progetto virtuoso che ci consente di dare linfa a Calosso. Il Museo sarà un nuovo cuore per il nostro borgo, un luogo di  memoria e riflessione ma anche di condivisione. Nella volontà dell’Amministrazione nel luogo ritrovato si svolgeranno eventi e incontri, e potrà diventare un punto di  informazioni per il paese. Nel periodo estivo il Museo sarà aperto tutti i fine settimana, grazie  alla collaborazione dell’Associazione Produttori di Calosso”. Il progetto è realizzato con: Compagnia di San Paolo, Bando Luoghi per la  Cultura, Otto per Mille della Chiesa Valdese, Fondazione Cassa di  Risparmio di Asti. Ha contribuito pure Opera per le Chiese Evangeliche Metodiste in Italia (OPCEMI). 

Un centro culturale sulla comunità di Calosso

Allestito nell’edificio di culto della comunità Evangelica prospiciente la piazza principale, Memorie di Futuro ospiterà il frutto degli studi degli ultimi anni. Ci sono infatti i filmati realizzati da Andrea Icardi, accompagnati dalle musiche originali composte da Giorgio Conte che illustreranno, di  volta in volta, il paese di Calosso, le tradizioni e la cultura vitivinicola che lo caratterizzano. Gli approfondimenti riguardano i temi del vino e della vendemmia, le stagioni della vigna, la fiera del Rapulè, tra gli oggetti della tradizione e i racconti degli intervistati. Sarà pertanto un  luogo “dinamico”, sui cui schermi la narrazione filmica si articolerà e si arricchirà nel tempo, offrendo al visitatore gli strumenti di leggere le tradizioni e le memorie del passato. Quindi uno spazio per individuare le tracce dei percorsi futuri non soltanto del borgo, ma più in generale dei paesi e dei territori delle colline del Monferrato e delle Langhe.  

L’inaugurazione del museo del progetto Identità Future

Dopo l’inaugurazione, cena panoramica nel Parco del Castello preparata dalla Proloco con vini dell’Associazione Produttori di Calosso. Sarà proposto anche lo show del Quartetto Effe con la partecipazione di Giorgio Conte. La prenotazione per la cena è obbligatoria e si deve  effettuare entro lunedì 4 luglio ai numeri: 3498797639 (Clarina) o 3917252974 (Mauro). 

Immagien da cartella stampa.