I “vicini” solidali del Re Abdullah II

0
276
Abdullah II

Un gruppo che ha contestato il Governo del Re Abdullah II e, in mezzo a tanti, anche il fratellastro Hamzah bin Hussein. Molti vicini all’ex principe sono stati arrestati e, se ne contano in totale 16. Si stringono attorno alla situazione giordana molti paesi vicini, a sostegno dell’operato del re.

Perché Abdullah II ha tentato di parlare col fratellastro?

I dati alla mano erano chiari, le intercettazioni esterni della squadra di intelligence pure, ma il Re ha lo stesso preteso, inizialmente, di risolvere la situazione in famiglia. Egli temeva delle serie ritorsioni verso il fratellastro; ha deciso quindi di agire da membro familiare ancor prima che dal titolo che porta con onore. Nonostante l’avvertimento però, la vicinanza di Hussein a gruppi che inneggiavano a contrastare il governo, non è svanita. Così le forze armate giordane sono intervenute mettendo l’ex principe agli arresti domiciliari senza possibilità di poter comunicare con nessuno. Si tratta di una misura preventiva per la sicurezza della Giordania. A tal proposito, sono stati molti coloro che, nelle “vicinanze” hanno mostrato cordoglio per tutta questa brutta faccenda e, rispetto per lo stesso Abdullah II.


Complotto Giordania: tra intercettazioni ed arresti


L’arresto di personaggi influenti

Non solo Hussein, ma la cerchia di arresti si allarga a ben 16 persone. Fra queste anche Sharif Hassan bin Zaid, un membro della famiglia reale e Bassem Ibrahim Awadallah, ex capo della corte reale 2007-2008. L’intercettazione della telefonata di quest’ultimo ha messo in allarme l’intero paese. Ha infatti parlato di una determinata “ora zero” che ha subito fatto scaturire la preoccupazione di un golpe. È stato solo all’ora che lo scambio fra il capo di gabinetto ed il Re ha dato il via, grazie al consenso del sovrano, di tutti gli arresti che sono stati attuati. Non è chiaro il ruolo dell’ex principe in tutta questa storia. Sebbene non fossero implicate persone atte alla sicurezza del paese, quindi alla fine è stato escluso il colpo di stato, tutto questo subbuglio indica una chiara agitazione di ciò che concerne il comando.