I talebani vietano alle donne e alle bambine l’uso di palestre e parchi

0
199

Da quando il gruppo religioso si è impadronito del Paese, dopo il ritiro delle truppe da parte degli Stati Uniti nell’agosto 2021, ha ripetutamente disatteso la promessa di consentire alle donne di mantenere alcuni diritti conquistati nel periodo tra le due amministrazioni. Ha vietato alle ragazze di frequentare le scuole medie e superiori, ha limitato le donne dalla maggior parte dei campi di lavoro e ha ordinato loro di indossare abiti da capo a piedi in pubblico. Ora le donne sono bandite dall”uso di palestre e parchi.

Divieto d’uso di palestre e parchi per donne e bambine

Un portavoce del Ministero della Virtù e del Vizio ha dichiarato che il nuovo divieto di accesso alle palestre e ai parchi è stato introdotto perché le persone ignoravano gli ordini di segregazione di genere e perché le donne non indossavano il velo, o hijab, richiesto. Secondo Mohammed Akef Mohajer, il divieto è entrato in vigore questa settimana. Ha affermato che negli ultimi 15 mesi i Talebani hanno “fatto del loro meglio” per evitare di chiudere parchi e palestre per le donne, di ordinare giorni della settimana separati per l’accesso di uomini e donne o di imporre la segregazione di genere. “Ma, purtroppo, gli ordini non sono stati rispettati e le regole sono state violate, e abbiamo dovuto chiudere parchi e palestre per le donne“, ha detto Mohajer. “Nella maggior parte dei casi, abbiamo visto uomini e donne insieme nei parchi e, purtroppo, l’hijab non è stato rispettato. Abbiamo quindi dovuto prendere un’altra decisione e per il momento abbiamo ordinato di chiudere tutti i parchi e le palestre alle donne”. Le squadre di talebani inizieranno a monitorare gli stabilimenti per verificare se le donne continuano a utilizzarli.

Le testimonianze

Una personal trainer donna ha detto che nella palestra di Kabul in cui lavora donne e uomini non si allenano o si allenano insieme. “I Talebani stanno mentendo”, ha insistito, parlando a condizione di anonimato, temendo rappresaglie. “Ci allenavamo separatamente”. La donna ha raccontato che giovedì due uomini che sostenevano di essere del Ministero della Virtù e del Vizio sono entrati nella sua palestra e hanno fatto uscire tutte le donne. “Le donne volevano protestare per la chiusura delle palestre, ma i talebani sono arrivati e le hanno arrestate”, ha aggiunto. “Ora non sappiamo se sono vive o morte”. Il portavoce del capo della polizia di Kabul, nominato dai Talebani, Khalid Zadran, ha dichiarato di non avere informazioni immediate sulle donne che protestavano per la chiusura delle palestre o sugli arresti.


L’Afghanistan: i talebani “decreto” alle donne di coprirsi completamente

Le organizzazioni internazionali

La rappresentante speciale delle Nazioni Unite in Afghanistan per le donne, Alison Davidian, ha condannato il divieto. “Questo è l’ennesimo esempio della continua e sistematica cancellazione delle donne dalla vita pubblica da parte dei Talebani”, ha dichiarato. “Chiediamo ai Talebani di ripristinare tutti i diritti e le libertà per le donne e le ragazze”. Gli integralisti sembrano avere il sopravvento nell’amministrazione guidata dai Talebani, che fatica a governare e rimane isolata a livello internazionale. Una recessione economica ha spinto altri milioni di afghani nella povertà e nella fame, mentre il flusso di aiuti stranieri è rallentato fino a scomparire dopo la presa di potere. Sodaba Nazhand, attivista per i diritti delle donne con sede a Kabul, ha dichiarato che il divieto di frequentare palestre, parchi, lavoro e scuola lascerà molte donne a chiedersi cosa sia rimasto per loro in Afghanistan. “Non è una restrizione solo per le donne, ma anche per i bambini“, ha detto. “I bambini vanno al parco con le loro madri, ora anche ai bambini viene impedito di andare al parco. È così triste e ingiusto”.