I segreti di Twin Peaks: un cult senza tempo

0
651

I SEGRETI DI TWIN PEAKS. Solo a sentir nominare questo titolo inizia ad aleggiare nell’aria odore di cult. Non è una serie tv, è la Serie tv, con la “s” maiuscola! Uno dei successi più clamorosi della storia del piccolo schermo, un’affermazione a livello mondiale.

Andata in onda dal 1990 al 1991 (e in seguito nel 2017) sul canale ABC (network statunitense, paese originario del serial) è stata (ed è tuttora, col revival/terza stagione) una serie televisiva cult, la serie che ha dato inizio all’epoca delle serie tv moderne, ormai più di 25 anni fà. Ideata dal visionario e psichedelico David Lynch e da Mark Frost, ha rivoluzionato la tv, sconvolgendola letteralmente, catalizzando ai tempi il mondo intero davanti la televisione con il quesito del secolo: “Chi ha ucciso Laura Palmer?”.

Di genere indefinibile, un mix tra thriller-horror-fantastico, è ambientato nell’immaginaria cittadina di Twin Peaks, estremamente stravagante, così come lo sono praticamente tutti i suoi abitanti. La tranquillità locale è spezzata un giorno dal ritrovamento del cadavere della giovane e popolare liceale Laura Palmer. Ad indagare sull’omicidio viene chiamato addirittura l’agente speciale dell’FBI Dale Cooper, che si ritroverà invischiato negli oscuri segreti del posto. Bizzarria, surrealismo, delirio, sono tutte caratteristiche che accompagneranno lo spettatore nella sua visione (a tratti onirica). In questa serie di razionalità ce n’è ben poca, bisogna avere molta immaginazione per accettare quanto accade (nonché i personaggi presentati).

La serie si concluse bruscamente dopo due stagioni (la prima eccezionale, la seconda fu un poco noiosa in quanto dopo lo svelamento, forzato dalla produzione, del caso, perse quasi tutto il suo appeal), ma è tornata in onda dopo 25 anni per volere dei due creatori, insoddisfatti dal precedente finale e desiderosi di dargli una continuity degna del suo nome.

La sigla introduttiva, fantastica e memorabile, è una sensazionale opera di Angelo Badalamenti (compositore italo-americano di tutta la colonna sonora): tornare ad ascoltarla dopo tanto tempo dà davvero la sensazione di un ritorno a casa. Twin Peaks può essere descritta come un sogno bellissimo e un terribile incubo: c’è un’ambiguità infinita in tutto ciò che viene mostrato, è da scordarsi una facile comprensione del tutto, ma forse il bello è anche questo.

Al termine delle prime due stagioni, dopo quindi la cancellazione, David Lynch, restio ad abbandonare la sua creazione, realizzò un film-prequel, Fuoco cammina con me, che racconta i fatti accaduti prima della serie, ovvero quando Laura Palmer era ancora viva (il quale però si rivelò un flop clamoroso al botteghino). 25 anni dopo la chiusura, come detto, è venuto alla luce il revival-3^ stagione, il quale ha raggiunto in questi giorni il giro di boa nei televisori di tutto il mondo.

Il serial originale divenne sin da subito oggetto di culto, è stata riconosciuta la sua influenza e incidenza sui tempi e sulla storia delle serie televisive! Lo show fu letteralmente seguito a livello globale, tutto il mondo ne parlava, tutti ne erano estremamente presi!

Protagonisti indiscussi sono Kyle MacLachlan (l’agente speciale FBI Dale Cooper), per il cui ruolo ottenne un successo clamoroso, Michael Ontkean (Harry Truman), Dana Ashbrook (Bobby Briggs), Lara Flynn Boyle (Donna Hayward), Sherilyn Fenn (Audrey Horne), James Marshall (James Hurley), Michael Horse (Tommy ‘Hawk’ Hill), Russ Tamblyn (Lawrence Jacoby), Ray Wise (Leland Palmer) e Sheryl Lee (Laura Palmer). Tantissimi attori famosissimi sono inoltre guest star (in moltissimi volevano prendere parte in un modo o nell’altro alla serie, anche solo per pochi minuti), soprattutto nella terza stagione.

Che fine ha fatto Robert Knepper?

Twin Peaks è sicuramente una delle serie tv più imperdibili di sempre, il suo impatto culturale è stato devastante, tanto che a distanza di poco più di 25 anni se ne parla ancora oggi! Per chi non l’abbia ancora vista, la sua stravaganza e bizzarria turberanno e sconvolgeranno, ma una volta vista rimarrà sicuramente impressa a vita nel cuore!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here