“I segreti dello Zerbino”, un libro ironico per una vendetta non convenzionale

"I segreti dello zerbino", un libro ironico per raccontare una vendetta decisamente non convenzionale

0
348
I segreti dello zerbino

“I segreti dello Zerbino” è uscito nelle edicole il 17 settembre 2020 da un lavoro a quattro mani dei giornalisti Cecilia Pierami e Gian Luca Rocco, coppia nella scrittura come nella vita. Una storia ironica, che strappa un sorriso, e che trova nella realtà il suo appiglio.

Immaginate solo per un istante come sarebbe bello commissionare una persona, un vendicatore per chiamarlo col suo nome, per risolvere alcune situazioni rimaste in sospeso. Giorgia, la protagonista, stanca di essere ingannata e beffata dai suoi ex fidanzati, cerca un modo per fargliela pagare.

Con un tono scherzoso ma verosimile nei contenuti, I segreti dello zerbino, per la collana “Varianti” di Morellini Editore, trae spunto da una storia realmente accaduta tra i condomini milanesi. Siamo in un quartiere periferico di una grande città e la vita ruota attorno a uno dei bar storici del posto, Gino’s. Uno di quei rifugi un po’ anni settanta, gestito da marito e moglie, rispettivamente Gino e Gina, e dai figli Bruno e Celeste. Qua Giorgia cerca conforto dopo aver scoperto che Mafredi, il suo fidanzato, non solo ha deciso di lasciarla ma anche di rubarle il suo futuro. Un problema che nasce dunque come sentimentale ma che poi si riverserà sulla sua vita professionale e lavorativa.

Leggi anche: L’attualità de “I Miserabili” di Ladj Ly, in una periferia corrotta e oppressa

E sempre in questo bar Giorgia capisce come fare per vendicarsi: con un cagatore su commissione che utilizza armi e metodi decisamente non convenzionali. La protagonista rappresenta anche il bello di riuscire ad esprimere i propri sentimenti, a mettere da parte quella sorta di buonismo che ci priva dal comportarci in un determinato modo, accettando anche la voglia di vendetta.

«Il Cagatore su commissione era un mito che affondava concretamente le radici nell’humus della zona. Raffinato il messaggio che il suo monito schiudeva sotto il naso della vittima: “Tu sei questo escremento, io non ti schiaccio, ti libero all’aria. Guardati, fatti un esame di coscienza, vivi e lascia vivere”. Ineccepibile l’abilità del professionista che rendeva tali servigi, puntuale e a comando. Fidato e sicuro.Insomma, uno sporco lavoro pulito.»

L’idea, arrivata dopo aver assistito a una reale vendetta anticonformista, ha subito trovato spazio tra le pagine de I segreti dello zerbino come un modo innovativo ed efficace di mettere a tacere quella voglia di rivalsa.

In questo libro la coppia Pierami-Rocco guida il lettore nell’ironica vicenda attraverso una scrittura fresca e schietta con una buona dose di cinismo e ironia. Capace di ricreare l’atmosfera fumosa e poco attraente, ma vitale, divertente e comica del quartiere. Con personaggi a cui, come scrive Milano da bere, è impossibile non affezionarsi.

Chi sono gli autori de I segreti dello zerbino?

Cecilia Pierami ha 29 “annipersempre”, da un bel po’ di “per sempre”. Lucchese, giornalista, ama le cose belle e spende in libri e borse il Pil di un piccolo stato africano. Ritiene di aver quasi sempre ragione. Preferisce l’inverno e non pulisce il bagno. È da sempre costantemente e inutilmente a dieta. “I segreti dello zerbino” è il suo primo romanzo.

Gian Luca Rocco nasce 44 anni fa. Genoano, padre, videogiocatore, con gli adolescenti condivide più di una passione (ma per fortuna sua e di chi gli sta accanto, si lava molto di più). Giornalista, lavora a Tgcom24 da una vita e si prende ben poco sul serio, perché da buon genovese sa che fare il brillante costa meno che comprarne uno.

Leggi anche: Someone Else’s Life di Kevin J Simington

Commenti