I Runditt di Malesco sono riconosciuti anche da Slow Food

Sarà assegnato il 2 giugno il riconoscimento di Comunità del cibo che attesta che i metodi di produzione sono rispettosi della tradizione

0
461
I Runditt hanno ottenuto il riconoscimento di qualità di Slow Food. Il 2 giugno la cerimonia ufficiale (foto tratta dal sito del Comune di Malesco)

Il riconoscimento di Slow Food a un prodotto della tradizione gastronomica di Malesco. I Runditt – una pasta preparata con acqua e farina e fatta scaldare su pietra ollare o ferro e poi guarnita con burro e sale – possono fregiarsi dell’attestazione di Comunità del cibo. Questa rete di Slow food è composta da gruppi e associazioni che producono specialità tipiche seguendo criteri di sostenibilità e procedimenti simili a quelli del passato. Preparare questo prodotto con il metodo tradizionale significa valorizzare un alimento semplice e genuino, promuovendo anche la gastronomia della val Vigezzo.

L’Associazione accademia dei Runditt, l’Ecomuseo delle pietra ollare e gli Scalpellini di Malesco hanno lavorato per anni per ottenere il riconoscimento di Slow food. L’impegno di questi sodalizi si è concretizzato con l’organizzazione della Sagra dei Runditt, proposta l’anno scorso per la prima volta: una festa dedicata alla tradizione gastronomica di Malesco che si svolgerà il 4 giugno. Precederà l’evento la cerimonia per la nomina delle cialde tipiche a Comunità del cibo, in programma nella mattinata del 2 giugno. In quest’occasione sarà descritto e distribuito al pubblico il depliant dedicato a questa specialità tipica, dal titolo “Runditt: la tradizione che guarda al futuro”.

La Sagra dei Runditt sarà una vetrina per tanti prodotti a km 0 della val Vigezzo, riproposti con delle varianti o con ricette vegane e senza glutine. Non mancheranno alcune delle specialità tipiche locali, come le torte di San Pietro e i tortelli che vengono preparati nelle case di Malesco in occasione di ricorrenze ed eventi.

La cialda guarnita che a Malasco viene chiamata Runditt, in altri paesi della val Vigezzo è conosciuta con il nome di Stinchètt che in tedesco significa biscotto cotto sulla pietra. Sono conosciuti anche come Amiasc.

Commenti