I rabbini Haredi salveranno Israele da nuove elezioni?

0
200
I rabbini Haredi

In molti ci stiamo domandando se i rabbini Haredi saranno influiranno sulla normalizzazione della politica interna. Certo che è interessante pensare a come useranno la loro influenza per contrastare le macchinazioni filo statunitensi. Ma è anche vero che i partiti Haredi stanno già cercando di aiutare il primo ministro Binyamin Netanyahu fornendo la disponibilità per una coalizione. Quindi si potrebbe dire che tentano di tenere a bada gli USA entrando loro stessi nella competizione governativa? Possibile.

I rabbini Haredi in che maniera opereranno?

Se Netanyahu dovesse appoggiarsi ai partiti Haredi, forse la questione per gli USA si farebbe più complicata, ma anche per Netanyahu stesso, in quanto il principio di normalizzazione con i paesi arabi diventerebbe più complicato. Molti pensano che la struttura religiosa islamica, nei suoi estremi sia dura e repressiva. Forse molti non conoscono l’ortodossia della corrente Heredi. Se il governo dovesse essere coeso con tali partiti, la normalizzazione tanto amata dagli States, andrebbe a farsi benedire. Ma prima devono riuscire a convincere MK Bezalel Smotrich, capo del partito del sionismo religioso, ad unirsi a loro nonostante la sua promessa di non essere un subordinato. I partiti Haredi stanno progettando di chiedere a loro consiglio dei saggi della Torah, e dei leader hasidici di parlare con i rabbini sionisti. L’intenzione è di chiedere a loro di fare pressione su Smotrich per partecipare a un governo di destra sotto Netanyahu. Se i rabbini Haredi riescono a convincere i rabbini sionisti dell’urgenza della situazione, l’opposizione di Smotrich cadrà, e si troverà a sedere in un governo sostenuto dall’esterno dalla lista araba (UAL).

Chi USA chi?

Se la situazione dovesse avere un risvolto simile, gli elettori sionisti non potrebbero di fatto dire nulla, in quanto la decisione passa attraverso i loro rabbini. Il punto diventerrebbe un altro: la normalizzazione con i paesi arabi, favorirebbe Israele o gli USA? Con l’ortodossia degli Heredi in parlamento, gli statunitensi dovrebbero usare tutti i loro trucchetti per spostare nuovamente l’interesse della normalizzazione verso Israele. Quindi l’opera strategica CIA-Mossad diventerebbe o potrebbe diventare, forma di un governo ombra sempre pro Netanyahu ma dal sentore sionista. Ma un’altra paura Haredi è che senza di loro nascerebbe un governo di centrosinistra. Cioè con il parlamentare Avigdor Liberman di Yisrael Beytenu e il parlamentare Yair Lapid di Yesh Atid. Ovviamente per i rabbini ortodossi, un governo di centro sinistra significherebbe consegnare il paese non solo al progetto normalizzazione, ma ai filo arabi, con l’ingombrante presenza USA.

Commenti