I paesi europei che riaprono ai turisti

0
391

I Paesi europei si preparano a riaprire le frontiere ai turisti.
Con i tassi di infezione in discesa in molte nazioni, la situazione potrebbe cambiare?

L’Europa copre circa il 50% del turismo globale in termini di arrivi. Le raccomandazioni europee attualmente in vigore limitano i visitatori extraeuropei.

Le proposte includono rimborsi per quanto riguarda voli o altri mezzi di trasporto cancellati e mappe stradali di sicurezza, dove sono riportate mete e strutture igienicamente sicure e certificate. Sono stati concordati anche nuovi protocolli di tracciabilità in modo che ogni cittadino possa essere avvisato di ogni possibile rischio di infezione durante il proprio viaggio.

La vice-presidente della Commissione Europea Margrethe Vestager conferma alla CNN «Non sarà un’estate normale per nessuno di noi».

Francia

I confini sono stati chiusi negli ultimi 2 mesi e l’Europa ha recentemente raccomandato un’estensione del divieto fino al 15 Giugno.

Fino al 24 luglio chiunque entri nel Paese dovrà completare a una quarantena obbligatoria di 14 giorni.

i paesi europei

Il Ministro degli interni francese Christophe Castaner ha chiarito che la Francia non riadatterà le proprie restrizioni in un prossimo futuro.

La catena francese di hotel Accor ha chiuso quasi due terzi dei propri hotel. Le strutture ancora chiuse verranno usate per la cura dei pazienti, dei lavoratori in prima linea e di chi abbia bisogno d’aiuto.

Nel frattempo ogni singola struttura sta riorganizzando i propri standard di sicurezza e protocolli di pulizia per garantire una riapertura appropriata. Non ci si aspetta una grossa affluenza dai visitatori internazionali, piuttosto una ripresa del turismo a livello nazionale.

Sarà un’occasione per riscoprire la propria nazione con occhi diversi.

Grecia

La Grecia potrebbe essere la prima destinazione europea a riaprire ai turisti.

La nazione é riuscita a contenere significativamente il contagio con meno di 170 morti per Coronavirus, grazie soprattutto al tempestivo intervento del Governo.

santorini

Questa settimana il Primo Ministro Kyriakos Mitsotakis ha annunciato che la nazione riaprirà ai turisti dal 15 giugno.

Lasciamo che quest’estate sia l’epilogo della crisi del Covid-19

Kyriakos Mitsotakis

Secondo il Primo Ministro i voli diretti internazionali verso la Grecia ricominceranno dal primo luglio e non sarà necessario fare il test per il Covid-19 ne tanto meno fare la quarantena.
Il Ministro del Turismo Haris Theoharis ha confermato infatti che degli operatori sanitari effettueranno test e tamponi dove necessario.
Inoltre l’IVA su tutti i trasporti e stata ridotta dal 24% al 13% per attirare i turisti.

Gli hotel nelle città riapriranno al pubblico dal primo giugno, mentre quelli stagionali un mese dopo.

Spagna

Nel 2019 la Spagna ha accolto 84 milioni di visitatori.

Tuttavia sembra improbabile una riapertura completa delle attuali restrizioni, che permettono solo a cittadini spagnoli, residenti e lavoratori di frontiera di attraversare la nazione. Sono vietati tutti i viaggi per ragioni non necessarie.

Il Primo Ministro Pedro Sanchez ha richiesto un prolungamento dello stato d’emergenza fino alla fine di giugno. Tutti i viaggiatori in arrivo in Spagna fino al 15 giugno dovranno seguire la quarantena di 14 giorni.

Il problema della riapertura dei confini sarà accompagnata da un’evoluzione della crisi sanitaria.

Reyes Maroto, Ministro del turismo spagnolo

Canet d’en Berenguer, una città a nord di Valencia, ha già predisposto delle misure di sicurezza per quanto riguarda la situazione balneare. Nelle spiagge saranno ammesse 5.000 persone al giorno e incrementeranno le misure di sicurezza attraverso una precisa segnaletica sulla sabbia.

Germania

La Germania ha saputo contenere il contagio attraverso tamponi e controlli.
I confini verso l’Austria sono stati aperti dal 15 maggio, ma il fatto che le infezioni abbiano ricominciato a salire questa settimana preoccupa molto il governo.

Angela Merkel conferma la riapertura dei confini al 15 giugno, nei limiti dell’area di Schengen (un gruppo di 26 nazioni che normalmente non presenta nessun tipo di barriere).

Se l’infezione lo permette

Angela Merkel

La Germania rimane tuttavia chiusa verso i visitatori oltreoceano, mentre altri paesi europei come Danimarca e Olanda assumono la medesima posizione, almeno per il momento.

Portogallo

Il Portogallo ha riaperto anche ristoranti, musei e scuole a partire dal 18 maggio.

Il Primo Ministro Antonio Costa ha annunciato che le spiagge riapriranno ufficialmente dal 6 giugno nel rispetto della distanza di sicurezza imposta dal governo di un metro e mezzo. Inoltre un’app permetterà alle persone di individuare dove ci sia spazio sufficiente sulla spiaggia per prevenire situazioni di sovraffollamento.

Pare comunque improbabile che ai turisti internazionali sia concesso tornare in Portogallo prima del 2021.

Rita Marques, segretaria di stato per il turismo, ha annunciato uno schema che consentirà ai turisti che avevano già organizzato un viaggio in Portogallo per il 2020 di post-porlo al 2021.
Lo schema é applicabile a tutte le prenotazioni effettuate tra il 13 marzo e il 30 settembre 2020. Nel frattempo l’autorità nazionale per il turismo Turismo de Portugal ha ideato una certificazione «Clean & Safe» per le imprese a norma, in modo da guadagnarsi la fiducia dei turisti.

L’obiettivo é la ripresa del settore e assicurare un importante livello di sicurezza per i turisti.

Rita Marques

L’Italia

L’Italia ha annunciato la riapertura verso i paesi europei a partire dal 3 giugno.

Attualmente l’Italia segue il resto dell’Europa con restrizioni che impediscono viaggi non strettamente necessari al di fuori dell’area di Schengen.

“Non abbiamo mai parlato, ne pensato, di chiudere i confini per i turisti 2020” annuncia Giorgio Palmucci, presidente dell’ENIT “Stiamo lavorando perché si possa fare l’esatto opposto”.

La riapertura italiana sta avvenendo per fasi: dal 18 maggio hanno riaperto bar e ristoranti, i musei a seguire nelle prossime settimane. Alcune regioni, come la Sicilia, hanno annunciato delle offerte per attirare i turisti verso le proprie meraviglie.

L’Unione Europea ha inoltre rivelato un piano d’azione almeno per quanto riguarda i confini interni ad essa.
Il piano metterà in moto misure di sicurezza accurate sia per quanto riguarda l’hospitality che per quanto riguarda i vari mezzi di trasporto pubblico.

Commenti