I militari tagliano i servizi Internet in Sudan

0
293
Sudan

Il governo militare ha limitato i servizi Internet a Khartoum, diversi ponti sono stati chiusi e i manifestanti sono stati avvertiti di non creare disordini. Lo scorso fine settimana, centinaia di migliaia di manifestanti hanno marciato attraverso Khartoum chiedendo il ripristino del governo civile dopo il colpo di stato militare del 25 ottobre.

Il taglio dei servizi Internet in Sudan per limitare le proteste

Gli organizzatori della protesta si affidano a servizi web e app per pianificare grandi manifestazioni. Più di cento persone sono rimaste ferite negli scontri con la polizia nelle proteste della scorsa settimana. Le forze di sicurezza sono state anche accusate di aver abusato sessualmente di più di una dozzina di donne e ragazze. Gli attivisti avevano pianificato una serie di proteste di piazza per sabato, esattamente due mesi dopo che i generali avevano lanciato la loro acquisizione, prima che le connessioni Internet venissero interrotte. Un provider di servizi Internet ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che l’interruzione ha fatto seguito a una decisione della National Telecommunications Corporation (NTC) del Sudan, che regola il settore.

Le forze militari

Ulteriori forze di sicurezza sono state dispiegate in tutta la capitale, hanno detto funzionari, e i media locali riferiscono che alcuni ponti sul fiume Nilo che collegano Khartoum ad altre città sono stati bloccati. Il leader del colpo di stato, il generale Abdel Fattah al-Burhan, ha difeso l’acquisizione militare di ottobre, sostenendo che l’esercito ha agito per prevenire una guerra civile perché i gruppi politici avevano incitato i civili contro le forze di sicurezza. Ha affermato di rimanere impegnato nella transizione al governo civile, con le elezioni previste per luglio 2023. Tuttavia non è chiaro quanto potere avrà il nuovo governo civile, poiché sarà soggetto alla supervisione militare. Il generale ha anche avvertito che le proteste potrebbero impedire una transizione democratica senza intoppi. Gli attivisti pro-democrazia accusano i militari di aver rubato la rivoluzione che ha portato alla cacciata del sovrano di lunga data Omar al-Bashir nel 2019.