I grandi display hanno i giorni contati? Forse no

0
187

BMW sostiene che i grandi display di infotainment abbiano i giorni contati. Non tutti però la pensano allo stesso modo.

Quale sarà il futuro dei grandi display?

Magari non a tutti piacciono, ma senza dubbio i grandi display infotainment sono sempre più presenti nelle nuove auto, dai 10 pollici in su. Alcune case automobilistiche hanno puntato anche più in alto: un esempio è la Mercedes Benz, con il suo MBUX Hyperscreen composto di tre schermi, montato sulla EQS EV. Oppure la BMW, con il suo schermo panoramico da 31 pollici sui sedili posteriori delle Serie 7 e i7. Ma per quanto durerà questa tendenza?


Troppa tecnologia a bordo e la sicurezza è compromessa


Un ricordo del passato

Secondo Matthias Junghanns, Capo dell’Interior Design di BMW i, i grandi display e la concorrenza nata intorno ad essi diventeranno presto un ricordo del passato. La sua dichiarazione è avvenuta nel corso di un live streaming ospitato da Car Design News, dove hanno partecipato anche i designer di Pininfarina, Italdesign, Polestar e ELeather. Junghann ha risposto ad una precisa domanda, che si interrogava se il lusso premium e UX saranno ancora sinonimo di grandi schermi in futuro. La sua risposta è stata un’altra domanda, forse provocatoria: “È il grande schermo che conta?”. E ha proseguito dicendosi convinto, appunto, che gli schermi più grandi prima o poi diventeranno storia. Le auto saranno ancora intelligenti, ha spiegato, ma “le interfacce appariranno solo quando ne hai bisogno, e quando le vuoi”.

Godersi la vista

Conny Blommé, responsabile dell’interior design, ha condiviso la posizione di Junghann. “Tutto ha il suo picco, e probabilmente anche gli schermi lo stanno avendo oggi. La maggior parte del tempo, quando si viaggia in auto, dovresti goderti la vista, e deve piacerti di più dello schermo” ha affermato.