I Compagnon lavorano alle volte di Notre Dame

Il restauro sarà realizzato utilizzando i metodi impiegati nel Medioevo

0
279

La ricostruzione di Notre Dame continua. Le volte gotiche devastate nell’incendio del 2019 sono ora ricostruite col know-how dei Compagnon. Per vedere rinascere la cattedrale devi prendere l’altezza. Nel luogo in cui la guglia di Viollet-le-Duc è crollata, i ganci di legno permetteranno di ricostruire le strutture.


Guglia di Notre Dame: maestranze artigianali per le vetrate 


Gli interventi dei Compagnon che fase sono del cantiere di Notre Dame?

Siamo al centro del dramma, è così (…) che abbiamo visto cadere questa pioggia di piombo, questi pezzi di legno ardenti del telaio. Tutto è caduto qui. Sentiamo che ora, stiamo arrivando alla fase in cui chiuderemo tutto questo“. Afferma il Generale Jean-Louis Georgelin, Presidente dell’istituzione pubblica incaricata del restauro di Notre Dame.

Ricostruire la freccia in modo identico

Il lavoro riguarda anche la ricostruzione della guglia. Didier Cuiset, Direttore di Europe Échafaudage, ha dovuto immaginare una struttura da 600 tonnellate con i suoi compagni. Svolgono l’opera di un orafo che è giocato al centimetro più vicino. Nel transetto Nord, i Compagnon completano la ricostruzione delle volte trafitte nel fuoco, utilizzando gli stessi strumenti dei loro antenati nel Medioevo. Il restauro potrà essere ammirato tra pochi mesi, quando l’impalcatura della guglia emergerà dal cuore della cattedrale.

Una sfida costruttiva per i Compagnon

“Sul taglio della pietra e sulla scienza della costruzione in pietra solida, abbiamo competenze in Francia più che altrove”, afferma Xavier Mailhol, scalpellino di formazione. Specifica che: “La massiccia struttura in pietra tiene, senza la necessità di aggiungere rottami metallici o altro. La stereotomia è qualcosa che viene insegnato molto poco ora, ma è una specialità che abbiamo particolarmente in Francia da secoli e tra i Compagni. soprattutto. Ci impegniamo a sviluppare questo e a spingere quest’arte il più lontano possibile”. E per essere orgogliosi di questo know-how francese infatti: “è così che è nata l’architettura gotica in Francia”.