I canali di Amsterdam: più fiori e meno bici

Anche l'utilizzo e il deposito delle bici deve essere regolato, per fattori estetici ma soprattutto per la sicurezza della popolazione stessa.

0
222
La vista sui canali ad Amsterdam

Le autorità affermano che la vista sui canali di Amsterdam sono rovinate dalle biciclette che i ciclisti incatenano ai ponti. La città vuole usare i fiori per fermare quest’abitudine.

Troppe bici parcheggiate sui canali di Amsterdam?

Amsterdam è orgogliosa di essere una delle città più adatte ai ciclisti al mondo, ma anche la capitale olandese ha i suoi limiti. Il comune si è lamentato del fatto che la vista di alcuni dei canali più belli viene rovinata dalla presenza di biciclette. Inoltre, i pedoni sono costretti a entrare in strada a causa dell’accumulo di bici legate alle ringhiere del ponte. Di conseguenza, il consiglio ha deciso che i cesti di piante e fiori in legno andrebbero posizionati sui ponti dei canali più trafficati nel tentativo di convincere i ciclisti a trovare altri parcheggi.

Situazioni pericolose per i pedoni

“A causa del gran numero di biciclette parcheggiate presso le ringhiere del ponte, i pedoni non si adattano più agli stretti marciapiedi e camminano sulla carreggiata”, ha detto un portavoce. “Questo crea situazioni pericolose.” I cestini di fiori saranno mantenuti dai visitatori dei centri di accoglienza frequentati dalla comunità dei senzatetto della capitale olandese.

Dove parcheggiare la bicicletta?

Per creare spazio extra per i ciclisti lontano dai ponti, i parcheggi per auto lasceranno il posto a più soste per biciclette lungo i canali.
Amsterdam ha più biciclette che persone con 767 km (478 miglia) di piste ciclabili. La pandemia di coronavirus ha ulteriormente promosso una tendenza ad allontanarsi dall’auto e dai trasporti pubblici. Un rapporto dell’istituto di conoscenza olandese per la politica della mobilità di questo mese ha rilevato che la distanza media percorsa in bicicletta è aumentata da 3,4 km a settembre 2019 a 4,1 km a luglio di quest’anno. Più di un terzo (37%) di coloro che evitavano i trasporti pubblici a causa del Covid-19 saltavano in bicicletta. Circa la metà di questi ha affermato che avrebbe continuato a utilizzare la bicicletta di più quando le restrizioni sul coronavirus sarebbero state finalmente revocate.

Le biciclette si ammassano lungo i canali di Amsterdam

L’ammassarsi dei cicli sui ponti della città non è l’unica conseguenza involontaria. L’associazione dei viaggiatori, l’Algemene Nederlandse Wielrijders-Bond (ANWB), ha chiesto un miglioramento degli standard di sicurezza attorno alle affollate piste ciclabili olandesi.
Frits van Bruggen, direttore dell’ANWB, ha dichiarato al NL Times: “Prima della crisi del coronavirus, avevamo già piste ciclabili complete e sempre più due ruote a velocità diverse. “E-bike, e-scooter, biciclette, cargo bike anche elettriche, bici da corsa e e-scooter. Non tutti possono guidare fianco a fianco. Sono sicuro al 100% che avremo ancora più vittime perché andiamo in bicicletta e prendiamo di più l’auto perché non osiamo più usare i mezzi pubblici “.

Leggi anche: Amsterdam: la visita virtuale della città

Commenti