I 10 migliori dischi metal usciti nel 2021

0
1079
La musica metal e i benefici mentali sugli ascoltatori

Anche il 2021 si è chiuso con una carrellata di dischi metal decisamente invitante. Tanti sono stati ritorni e altrettanto numerose sono state le conferme di band che già conoscevamo come valide. Di seguito elenchiamo i 10 migliori dischi metal di quest’anno, tenendo conto che molti lavori, per evidenti motivi di spazio, sono stati esclusi.

Quali sono i 10 migliori dischi metal del 2021?

Harakiri For The Sky – Mære

Gli austriaci non sono una band anuova a dischi decisamente eslatanti. Anche on questo Maere la band, o meglio il duo formato da Michael V. Wahntraum e Matthias Sollak festeggia al meglio i 10 anni di attività.

Hypocrisy – Worship

Inutile dire che i fans degli Hypocrisy si aspettava esattamente un lavoro del genere: Worship nonostante proponga una serie di stilemi abbastanza conosciuti colpisce alla grande per come è costruito. Un grande plauso a Peter Tatgren, deus ex machina della band, che non delude le altissime aspettative.

Be’lakor – Coherence

Gli austrialiani meriterebbero molto più successo, soprattutto in europa dove sono misconosciuti ai più. Ma sin dal loro esordio si capiva che il melodic death proposto aveva un qualcosa di diverso. Coherence è un disco da ascoltare e da assimilare con calma.

Mastodon – Hushed and Grim

I Mastodon sono da vent’anni una delle band metal più conosciute al mondo. E nonostante il successo, meritatissimo, il valore del loro sound non tentenna di un millietro. Anche con questo Hushed and Grim è assicurata una qualità sonora invidiabile.

Swallow the Sun – Moonflower

Per Juha Raivio quel 2016 è ancora vicinissimo, la morte dela compgna Aleah ha segnato profondamente lui e tutta la band finlandese. Arrivano ancora con la Century Media con questo nuovo platter, Moonflower, in cui il leader della band mette a nudo le proprie emozioni. Un disco che merita un ascolto.

Thy Catafalque – Vadak

Come definire Thy Catafalque, aka Tamás Kátai, se non un genio? L’ultimo lavoro dell’ungherese Vadak, uscito per la Season of Mist, è una miscela sonora che da un lato ripercorre il passato di Katai, e dall’altro si apre a nuovi universi musicali.

Obscura – A Valediction

Una band che pesca a piene mani dall’ultra tecnico death metal ma che al contempo cerca una propria strada sonora. Con Valediction i validissimi Obscura faranno contenti gli amanti dei riff intricatissimi e degli assoli al fulmicotone. Da una band che si ispira ai mitici Death di Chuck Schuldiner ci si aspetta sempre un grande lavoro.

Converge – Bloodmoon: I

Converge e Chelsea Wolfe uniscono le forze in Bloodmoon I. Non un disco in studio ma una registrazione dal vivo effettuata al Roadburn Festival di Tilburg, Paesi Bassi. Le due anime contrastanti si fondono e creano un equilibrio sonoro molto interessante, già visto in altre band come i Cult of Luna (che con la cantautrice Julie Christmas pubblicarono Mariner).

Deafheaven – Infinite Granite

I dischi non sono una band blackgaze sono il blackgaze. e dopo il mezzo passo falso del 2018 tornano più in forma che mai con Infinite Granite, disco solido e pieno di passaggi suggestivi ed emozionanti.

Panopticon – …And Again Into the Light

Da oltre un decennio, Panopticon (alias Austin Lunn) ha esplorato l’improbabile abbinamento tra black metal e musica folk degli Appalachi, trovando un terreno comune nella desolazione schiacciante dell’anima che sta al centro di entrambi i generi. …And Again Into the Light potrebbe essere il suo lavoro migliore fino ad ora, 


Il giradischi diventa vintage ed è targato Sony