Huaira: casa a zero emissioni di carbonio in Ecuador

0
678
Huaira: casa a zero emissioni di carbonio in Ecuador

Huaira zero emissioni di carbonio per la casa ecosostenibile. Immersa nelle profondità di una policoltura di cacao, arancia e banana, e di fronte a un piccolo fiume chiamato Roncador a Puerto Quito. In Ecuador si materializza la casa Huaira, la più recente costruzione sostenibile a zero emissioni di carbonio degli architetti Javier Mera e Diana Salvador.

Huaira: progetto riproponibile anche da noi?

Il progetto di 45 mq si articola su due piani e si trova in un’azienda agricola a conduzione familiare situata a La Abundancia. Si trova in un luogo in cui un’accogliente serenità converge con un’atmosfera di pace. Capace di stimolare con tutto il suo slancio un stretto legame con l’ambiente e l’ambiente circostante. Da questa condivisione con la natura, non sorprende che Huaira abbia trovato la sua ispirazione nel concetto di rifugio. Diana Salvador, una delle sue creatrici, è architetto e manager pubblico, e ha trascorso anni a lavorare tra il settore pubblico e quello privato. Riflettere sulla sua carriera l’ha portata a dare vita a questa iniziativa in Ecuador insieme a Javier Mera. Lui da tempo si è concentrato sui sistemi costruttivi in ​​legno, oltre a costruirli lui stesso.

Huaria, una vita in un progetto

Huaira nasce come esigenza specifica, un rifugio fuori città. Un contatto con l’essenziale, con la natura, dove committente e architetto sono la stessa persona. Ciò permette di sognare e dare libero sfogo all’immaginazione. Fin dall’inizio è stata posta la volontà intrinseca di dare vita a una casa prefabbricata che si adatti alla topografia e al contesto. Pur rispettando il principio di replicabilità, mobilità e sostenibilità. Il tutto con il minor impatto possibile sull’impronta di carbonio“. Questo è il segreto del progetto raccontato dai due architetti.

Tutto secondo le regole

Ciascuna delle decisioni e delle azioni è stata disciplinata da una serie di linee guida progettuali specifiche. Il compensato è l’elemento di punta della costruzione, oltre a legno massello, pietra, tetrapack, metallo e vetro. Queste sei componenti si sono unite per consolidare un modello equilibrato dal punto di vista ambientale. “Oggi l’architettura non può essere concepita diversamente“. I materiali, il loro montaggio e il funzionamento consentono la flessibilità di smontaggio e l’eventuale mobilitazione della casa in un’altra posizione. Il che significa che Huaira può essere smontata, imballata e trasferita se in qualsiasi momento.


Le mini case prendono piede per ridurre il consumo di suolo