Hong Kong : le gru “origami” diventano l’ultimo simbolo di protesta del movimento pro-democrazia

0
340

Nei giorni scorsi molti giovani manifestanti hanno riempito l’area aperta di un centro commerciale di Hong Kong utilizzando delle gru di carta “origami”. Accade al quarto mese di proteste dei pro-democrazia. Prima di quello che potremmo definire “flash-mob” i manifestanti hanno cantato uno slogan, un pezzo che è diventata il loro inno, accompagnati da un piccolo gruppo di musicisti mascherati.

Le autorità hanno chiuso le due stazioni della linea ferroviaria che porta all’aeroporto per scongiurare una possibile interruzione del servizio di trasporto. L’Autorità aeroportuale internazionale di Hong Kong ha annunciato che la Domenica il treno opererebbe solo tra l’aeroporto e la stazione nel centro della città.

L’iniziativa di protesta arriva dopo una notte di violenti scontri in cui la polizia ha usato gas lacrimogeni e colpi di gomma contro i manifestanti che hanno invece utilizzato bombe a benzina. Le proteste generalmente iniziano pacificamente ma spesso degenerano in scontri che, secondo i manifestanti, sono necessari per attirare l’attenzione del Governo.

Il leader di Hong Kong, Carrie Lam, ha accettato di ritirare un disegno di legge di estradizione che ha scatenato le proteste a giugno. Ma i manifestanti antigovernativi stanno facendo pressioni anche su altre richieste, tra cui le elezioni democratiche nella città semi-autonoma cinese e un’indagine indipendente sulle denunce di violenza della polizia durante le manifestazioni delle ultime settimane

Le proteste incessanti restano un imbarazzo per il Partito Comunista Cinese in vista delle celebrazioni previste il 1 ° ottobre del suo 70 ° anniversario al potere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here