Honda S2000 elettrica: un dubbio amletico

L'editorialista di "Car And Driver" spinge per una versione a batteria della leggendaria roadster giapponese

0
219
honda s2000 elettrica

E se un giorno, la Honda S2000 tornasse in versione elettrica? La spiderina giapponese, che negli anni 2000 è stata una perla per gli appassionati della guida, è fuori dal mercato da un secolo o più. Di fronte all’avanzate imperante dell’elettrico, è giusto che anche la roadster leggera e divertente si converta alla dea batteria? Se l’è chiesto Roberto Baldwin, editorialista di “Car And Driver”, il quale sostiene che Honda debba riprodurre la S2000, in versione elettrica. Facciamo una breve analisi sui pro e sui contro.

Honda S2000 elettrica, perché dire si?

L’argomentazione di Baldwin è, tutto sommato, semplice. Quando uscì sul mercato, nel 1998, la S2000 era una vettura tecnologicamente al top. Il motore 2 litri quattro cilindri aveva la fasatura variabile V-TEC, che gli permetteva di sfiorare i 9 mila giri. Secondo Baldwin, la prossima generazione della S2000 deve mantenere questo primato tecnologico, e per farlo deve necessariamente adottare la filosofia elettrica.

Un altro argomento a favore sta nel fatto che anche un veicolo a zero emissioni può essere divertente da guidare. La Honda e ha stupito molti tester per le sue doti dinamiche. La e non è disponibile negli Stati Uniti, ragion per cui Baldwin auspica che Honda colmi il vuoto con la S2000. Honda al momento non ha in listino una vettura elettrica sul mercato americano, cosa che la metterebbe in difficoltà. Sarebbe anche un modo di fare marketing con un’icona del passato: se GM ha rilanciato l’Hummer in versione elettrico, perché non fare lo stesso con la S2000?

Honda S2000 elettrica: perché dire no?

Ma una S2000 in versione elettrica comporta anche degli svantaggi. In primo luogo, il peso. Montare una batteria ad alta efficienza, come richiederebbe un’auto votata alle prestazioni, significa aggiungere almeno mezza tonnellata. Questo non va bene per la dinamicità. La S2000 piaceva anche per la sua leggerezza, perché rovinare tutto aggiungendo tanto peso extra?

C’è poi il discorso emotivo. Una vettura elettrica, con le sue accelerazioni sprint, può coinvolgere e anche divertire, ma le emozioni vere dove sono? La S2000 originale era godibile anche grazie al ringhio corsaiolo del motore V-TEC. Il suono è una componente fondamentale per il piacere di guida: rinunciarvi significa rinunciare all’emozione pura. Senza contare che la S2000 originale non aveva aiuti elettronici, né cambio automatico. Era quasi un kart, guida allo stato puro. Impossibile da replicare con l’elettrico.

C’è poi un altro elemento: il V-TEC era facile da elaborare. Elaborare un veicolo elettrico non è altrettanto semplice, perché tra la batteria e i relativi software occorre strumenti e manodopera non comuni. E poi, quanto costerebbe una vettura del genere? E siamo sicuri, poi, che non impatti l’ambiente?

Cosa aspettarci dal futuro

Nel 2019 la Honda ha presentato una S2000 speciale al Salone di Tokyo, volta a celebrare il 20esimo anniversario dalla nascita del modello. Da allora, girano voci su un suo possibile remake. A questo punto, non ci resta che aspettare, e vedere cosa troveremo sotto il cofano.

Commenti