Hidden: Animals in the Anthropocene

La cruda denuncia ai crimini contro gli animali con la partecipazione di Joaquin Phoenix (Joker)

0
976
hidden

Hidden è il progetto fotografico che denuncia i crimini perpetrati nei confronti degli animali in tutto il mondo. Tra i contributors anche Joaquin Phoenix: da protagonista di Joker l’attore ha indossato i panni di attivista a favore degli animali. Ecco tutti i dettagli del libro e qualche anticipazione.

Hidden: di cosa tratta?

Hidden: Animals in the Anthropocene è il fotolibro che documenta la relazione spesso crudele dell’uomo con gli animali. Il pluripremiato attore e attivista Joaquin Phoenix lo ha descritto come una rappresentazione dei “luoghi più oscuri e inquietanti al mondo“. Gli scatti catturano gli abusi, la crudeltà, la sofferenza e lo sfruttamento dell’industria degli animali. E Hidden lo fa con oltre 200 immagini provenienti da sei diversi continenti. Al progetto hanno partecipato 40 fotografi di fama internazionale tra cui il pluripremiato fotoreporter e autore Jo-Anne McArthur. Ma anche Adam Oswell, Gav Wheatley, Kuni Takahashi, Lissy Jayne e Tamara Kenneally. Inoltre, il libro è stato pubblicato dall’organizzazione no profit per il benessere degli animali We Animals Media.

Hidden: il ruolo di Phoenix

Phoenix, che ne ha scritto la prefazione, ha descritto Hidden come un “Bruciante promemoria del nostro comportamento imperdonabile nei confronti degli animali“. L’attore ha poi aggiunto che le immagini “Serviranno come segnali di cambiamento per gli anni a venire“. Gli scatti, in effetti, sono una cruda denuncia delle condizioni deplorevoli nelle quali versano gli animali in tutto il mondo. Se sconvolgono, è per esortare le persone a fare i conti con un’emergenza di proporzioni mondiali. Questo quanto ha riferito anche il fotografo McArthur.

Le parole di McArthur su Hidden

Queste foto dimostrano che esiste un’emergenza per gli animali a livello globale, dall’agricoltura industriale al cambiamento climatico, e forniscono informazioni preziose sull’importanza della sofferenza degli animali per la salute umana“, ha aggiunto Jo-Anne McArthur. “Non c’è mai stato un progetto fotografico che raggiunga questo obiettivo in modo profondo e ampio per mostrare lo stato degli animali nel nostro mondo moderno“.

Hidden: il lavoro dietro al progetto

Per il collezionabile con copertina rigida di 320 pagine, i fotoreporter hanno dovuto lavorare anche sotto copertura. Solo in questo modo, hanno spiegato i contributors, sono riusciti a documentare gli abusi e, in molti casi, le violazioni delle leggi sul trattamento degli animali. Keith Wilson, co-editore di Hidden, ha commentato: “Gli animali che alleviamo, vendiamo e uccidiamo per la nostra tavola, che violentiamo e mutiliamo per sport e tradizione condividono molte delle nostre emozioni: sentimenti di tristezza e gioia, dolore e paura, amore e dolore“. Wilson è anche giornalista e fondatore di Photographers Against Wildlife Crime. Al suo fianco anche il designer David Griffin, che in precedenza aveva collaborato con il National Geographic. Infine, la pubblicazione del volume è stata curata dalla Smithsonian Enterprises.

Tempismo o fatalità?

Hidden è stato pubblicato in un anno molto difficile a livello internazionale, quello di un pandemia che si ritiene solo l’ultima di una serie di malattie zoonotiche. Basti pensare all’influenza suina o a MERS, SARS ed Ebola. Per scienziati ed esperti è l’ennesimo segnale che invita l’umanità a cambiare il suo approccio con la Terra: non solo il modo in cui vive o adopera le risorse. Ma anche il modo in cui consuma e interagisce con animali e natura.

Le malattie zoonotiche

Per zoonosi s’intende una qualsiasi malattia infettiva trasmissibile dagli animali all’uomo, o viceversa. L’infezione può trasferirsi direttamente (tramite contatto) o indirettamente (attraverso organismi vettori o ingestione di alimenti infetti). Sono escluse quelle in cui il contagio avviene da uomo a uomo.

Qualche dato

Ad oggi oltre il 75% delle malattie infettive nuove o emergenti si è diffuso dagli animali all’uomo. Per questo Hidden vuole offrire una panoramica dei crimini ambientali ed etici perpetrati nel commercio mondiale di animali: dall’agricoltura industriale alla pesca, dalla macellazione agli incendi e alla deforestazione. Il tutto per mano dell’uomo.

La denuncia di Phoenix non si ferma a Hidden

L’attore affronterà la questione assieme alla co-produttrice e attrice hollywoodiana Rooney Mara. Chiamato The End of Medicine, il film documentario arriverà nelle sale nel 2021 e riguarderà il rapporto tra agricoltura animale e zoonotica. Entrambi noti per promuovere il veganismo come scelta etica, gli attori hanno spiegato: “Ci auguriamo che sia un invito all’azione che apra gli occhi e accenda una scintilla di volontà per cambiare le nostre abitudini“. E hanno aggiunto: “La scienza è inconfutabile. La moderna agricoltura animale continuerà a farci ammalare se non cambiamo radicalmente i nostri modelli di consumo“.

I dati scientifici

L’ultimo rapporto delle Nazioni Unite riporta un aumento del consumo di proteine ​​animali e l’intensificazione di un’agricoltura non più sostenibile. La causa? L’aumento esponenziale della domanda di alimenti di origine animale. Inoltre, il consumo di proteine animali rientra tra le sette principali cause di insorgenza di malattie zoonotiche. Ad oggi, il 60% dei 1.400 microbi trasmissibili all’uomo ha avuto origine dagli animali.

Hidden: Animals in the Anthropocene


Stop alle pelli di animali: arriva l’ecopelle dal cactus
Joaquin Phoenix si unisce ad Animal Equality
Oscar 2020: Joaquin Phoenix, candidato come Miglior Attore

Commenti