Paulo Dybala torna a brillare, solo sufficiente nella prima frazione e ad inizio ripresa, riesce a fare la differenza nel giro di pochi minuti così consegnando l’ultima vittoria dell’anno alla Juventus. La Signora si consolida così al secondo posto, alle spalle del Napoli distaccando Inter e Roma.

PRIMO TEMPO – I bianconeri cercano di partire subito bene. Schierata in campo con il modulo a forma di albero di Natale, perfetto per il momento, cerca di spingere sulle fasce puntando sulla fisicità di Lichsteiner e al centro dell’area su Higuain.
L’argentino ci prova, ma il palo gli dice di no (partecipe anche il portiere avversario con una deviazione vincente).
A portare in vantaggio gli ospiti ci pensa Matuidi, con un bel sinistro e la complicità di Hertaux.

Il Verona, con alcuni ex bianconeri in rosa e Pazzini comodo in panchina, non demorde e non abbassa la testa alle iniziative avversarie. L’unico vero tiro dei padroni di casa arriva per merito di Verde, che si spegne di poco al lato del palo e ringrazia Higuain e Alex Sandro per non aver sfruttato l’occasione del raddoppio. 

SECONDO TEMPO – Ad inizio ripresa, sorpresa nel modulo, passaggio al 4-4-2 e fuori Bentancur, non brillante in questo match per Bernardeschi.

L’ex viola cerca la via del gol, ma a trovarla è un ex bianconero, Caceres, che trova il pareggio con un bel tiro dai 20 metri.
Dopo il gol del pari il Verona si fa più aggressivo a discapito di una Juventus fin qui troppo poco incisiva. Alla mezz’ora però ci pensa Dybala a stravolgere gli equilibri, con una doppietta di destro, piede debole.

Nella prima rete, la Joya sfrutta una bella azione di Lichesteiner mentre nella seconda occasione fa tutto da solo, dribblando tre avversari e depositando in rete il pallone della doppietta personale. L’argentino vorrebbe anche il terzo gol, ma su punizione Nicolas è reattivo.
Nel finale anche Bernardeschi riesce a segnare, ma l’arbitro annulla tutto per via del fuorigioco di Higuain.

La partita finisce sul risultato di 1-3, basta la doppietta di Dybala per restare vicini al Napoli e far sperare ancora Allegri per il prossimo anno.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here