Harry Potter e Il Prigioniero di Azkaban: terzo film della saga fantasy

Terzo capitolo della saga cinematografica di Harry Potter, ma il primo a dare inizio ad una trama orizzontale che porterà al grande scontro finale.

0
1247

“Harry Potter e Il Prigioniero di Azkaban” è un film fantasy diretto da Alfonso Cuàron e sceneggiato da Steven Kloves sulla base dell’omonimo romanzo scritto da J.K. Rowling. Il cast vede gli stessi attori dei precedenti capitoli della saga di Harry Potter (Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson, Alan Rickman, Tom Felton ed altri) con due importanti novità: Michael Gambon nel ruolo di Albus Silente (precedentemente interpretato da Richard Harris) e Gary Oldman nei panni di un nuovo personaggio che risulterà fondamentale per il film e l’intera saga: Sirius Black. Si tratta del capitolo in cui inizia ad esserci una trama orizzontale, non più con una vicenda fine soltanto allo svolgimento della singola opera.

TRAMA: Harry Potter corre un grave pericolo: Sirius Black, pericolosissimo mago scappato da Azkaban (la prigione di massima sicurezza dei maghi), è probabilmente sulle sue tracce con lo scopo di ucciderlo. La vicenda si attorciglia con intrighi interni alla scuola, fra Hagrid avente delle inedite responsabilità da insegnante, alcuni strani comportamenti di Hermione ed una nuova materia da seguire: divinazione. Si aggiunge, come sempre, un nuovo insegnante di difesa contro le arti oscure a cui fare riferimento: è Lupin, amico di infanzia dei genitori di Harry.

VALUTAZIONE: Ultimo lavoro davvero di alta qualità fra le trasposizioni cinematografiche della saga, nonché l’ultimo ad essere fedele al libro in tutto e per tutto. Le interpretazioni sono quasi tutte ottime, soprattutto per quanto riguarda gli attori adulti. Le scelte creative del regista permettono di vedere lo svilupparsi della saga sotto occhi inediti dal punto di vista cinematografico, occhi che sarebbe stato bello venissero conservati anche per i lavori successivi, passati tutti invece alla direzione del meno entusiasmante David Yates. Un film che vale la pena vedere, sicuramente uno dei migliori fantasy negli ultimi 20 anni.

Di seguito il trailer.