Hackerati migliaia di account Twitter da Bezos a Obama

Migliaia di account vip su Twitter sono stati hackerati. Tra questi rientrano Musk, Gates, Bezos, Obama e Biden.

0
228
hackerati
Hackerati diversi profili vip di Twitter

Twitter ha annunciato che sono stati hackerati migliaia di account privati dei vip per promuovere una truffa legata ai Bitcoin. Tra le vittime anche Bill Gates, Elon Musk, Jeff Bezos, Barack Obama e Joe Biden. Twitter comunica di avere bloccato questi account, quindi questi utenti non potranno inviare tweet fino alla fine delle indagini.

Gli account hackerati: cos’è successo

Twitter ha reso noto che migliaia di account privati di Vip sono stati hackerati nella sera del 15 luglio (ore italiane).

Gli hacker hanno postato sui profili delle vittime un messaggio scam che invitava ad inviare Bitcoin per riceverne una quantità raddoppiata. I Bitcoin andavano inviati all’indirizzo personale dei vip del profilo in questione.

Tra i profili hackerati si evidenziano quelli di Barack Obama, Joe Biden, Jeff Bezos, Bill Gates, Elon Musk, Kanye West e la moglie Kim Kardashian. Tra le vittime spuntano inoltre i profili social di aziende quali Apple e Uber. Anche il noto divulgatore scientifico italiano Paolo Attivissimo ha subito l’hackeraggio.

I messaggi sono rimasti sula piattaforma social per circa due ore, dopodiché Twitter ha provveduto. I truffatori sono comunque riusciti a racimolare 117 mila dollari in Bitcoin.

Un Tweet a proposito dell’hackeraggio

L’azienda di Twitter ha comunicato che i truffatori sono risaliti agli account hackerati attraverso uno strumento interno della piattaforma. Non è ancora chiaro se siano riusciti a intercettare anche i messaggi privati delle vittime.

Per gestire la situazione al meglio, Twitter ha intimato le vittime a non resettare la password e a non pubblicare nuovi Tweet.

Il Tweet del Twitter Support

L’attacco informatico di Twitter è senza precedenti nella storia dei social network, che potrebbe però far riflettere sul pericolo di possibili attacchi futuri.

L’amministratore delegato, Jack Dorsey, ha dichiarato: “E’ una giornataccia per noi qui a Twitter. Stiamo tutti malissimo per quanto accaduto. Stiamo cercando do capire di più e condivideremo tutto quello che sapremo quando avremo un quadro più completo”.

Per ora non è chiaro chi sia il fautore dell’attacco. Secondo la BBC, però, si sarebbe risaliti ad un indirizzo email [email protected], appartenente all’utente californiano Anthony Elias.


Leggi anche: Ivanka Trump sostiene i fagioli neri Goya su Twitter

Commenti