Guerra Fredda Stati Uniti Cina sui dati sensibili

Niente missili balistici è l'ora dei dati sensibili

0
1005
Guerra Fredda Stati Uniti Cina sui dati sensibili
Guerra Fredda Stati Uniti Cina sui dati sensibili

La Cina ha varato una serie di regole che la scaraventano in una guerra fredda contro gli Stati Uniti. Le regole sono progettate per impedire ai governi stranieri di acquisire dati archiviati localmente, quindi dati sensibili. Estremo tentativo per contrastare le accuse di Washington: TikTok e WeChat condividono informazioni sensibili.

La Cina smuove la guerra fredda

Il ministro degli Esteri Wang Yi ha presentato oggi il programma che disciplina la sicurezza dei dati globali. Il piano, composto da 20 “regole“, tenta di stabilire uno standard globale per la trasmissione ed elaborazione di dati sensibili.


Guerra fredda i punti principali


Gli Stati Uniti continuano a fare pressione sulle più grandi società tecnologiche cinesi e convincono i paesi di tutto il mondo a bloccarle“. Questa è la dichiarazione del ministro degli Esteri cinese. “Quindi noi reagiamo non a sproposito. Il piano si compone di otto punti chiave, tra cui c’è il divieto di utilizzare la tecnologia per danneggiare o rubare dati atti a manipolare l’infrastruttura di altri paesi. Vogliamo evitare che i fornitori di servizi installino backdoor nei loro prodotti e ottengano illegalmente i dati degli utenti“. Wang ha precisato che l’iniziativa mira a porre fine alle attività che “violano le informazioni personali”.

È una guerra fredda di dati fatta anche di spionaggio

Ci opponiamo all’uso della tecnologia per condurre la sorveglianza di massa contro altri stati. Le aziende dovrebbero rispettare le leggi dei paesi ospitanti e smettere di costringere le aziende nazionali a memorizzare i dati generati all’estero nel proprio territorio. Chiunque sottoscriva il patto dovrebbe anche rispettare la sovranità, la giurisdizione e la governance dei dati di altri stati“.

I cinesi dicono di rispettare le regole


Non abbiamo chiesto e non chiederemo alle aziende cinesi di trasferire dati di altre nazioni al governo cinese in violazione delle leggi di altri paesi“, ha detto Wang.


Accantonati i missili balistici si usano i dati sensibili


Il sistema noto come Great Firewall blocca servizi come Google e Facebook, mentre gli addetti alla censura indicano regolarmente alle società Internet del paese i contenuti da rimuovere. La Cina ha cercato di aumentare il proprio ruolo nella definizione di standard in tutto il mondo, dai dati alle telecomunicazioni, puntando il dito contro il suo principale competitor. Wang ha chiaramente alluso agli Stati Uniti nel discorso con cui ha annunciato il progetto. “Facendo leva su atti unilaterali, un certo paese continua a fare accuse infondate contro altri in nome di una rete pulita. Ha utilizzato la sicurezza come pretesto per depredare imprese di altri paesi che hanno un vantaggio di un proprio ritorno economico. Tali palesi atti di bullismo devono essere contrastati e respinti“. Benvenuti nell’era della nuova guerra fredda.