Gucci 100 Collection: un secolo di stile unico

0
395

Cento anni sono moltissimi per un marchio. Questo però non è un marchio come gli altri: ecco Gucci 100 Collection.

Cosa ci aspetta nella Gucci 100 Collection?

Da 100 anni è uno dei marchi di moda più importanti del mondo. Nata nel 1921, inizialmente era stata concepita come azienda di pelletteria, specializzata in valigie e borse per i viaggiatori d’élite. Come ben sappiamo, però, nel tempo si sarebbe espansa e sarebbe diventata quella che conosciamo oggi.


Gucci Lifestyle la nuova collezione


Un marchio dai mille volti

Negli anni Gucci ha rivoluzionato più volte sé stessa. Ma una delle più importanti è sicuramente quella avvenuta negli anni 80, quanto è diventata il marchio di riferimento dei musicisti, i rapper americani in particolar modo. Ed è proprio nel corso di quel decennio che Dan di Harlem, uno di questi rapper, ha dato vita allo streetwear GG. Tutte queste cose sono state d’ispirazione allo stilista Alessandro Michele per creare la collezione Gucci 100.

Alessandro Michele ad ELLE.COM

Lo stilista ha rilasciato un’intervista in esclusiva ad ELLE.COM. “Il centenario, per me, rappresenta un’occasione per testimoniare l’eterna vitalità di Gucci che, anno dopo anno, rinasce. Si rinnova, ristabilendo un rapporto insolito con la contemporaneità da ragazzo, per sempre giovane, che osserva il mondo con una visione potente” ha spiegato. “Ho riconosciuto in essa la manifestazione della sua giovinezza avendo intercettato e attraversato, ormai da 100 anni, la cultura popolare in tutte le sue forme. Soprattutto nella musica: l’unico medium, a parte la moda, più reattivo ai tempi che mutano e segnano il nuovo, l’oggi, l’adesso”.

Gucci 100 e la musica

L’idea è dunque di sfruttare il potere congiunto di moda e musica. Musixmatch, database musicale che ha collaborato per questo progetto con la Maison, ha calcolato che Gucci è stata citata in 22.705 canzoni dai suoi inizi, un numero incredibile. Alessandro Michele quindi ha preso spunto anche da questo, come spiega ancora nell’intervista. “Non è un tentativo revisionista di rovistare nel passato. Semmai, il mio è un revisionismo a rovescio nella storia della Maison, ricucita da una nota penetrante, una melodia, un ritornello. Anche perché, se dovessi rappresentare Gucci, per me sarebbe un eterno adolescente che bazzica nei posti dove si ascolta e si suona musica”.

Il video promozionale

Sempre secondo Alessandro Michele, Gucci è un gesto, un momento nel tempo che è possibile sintetizzare in una canzone o in un capo di abbigliamento. Il video della nuova campagna è stato girato da Joshua Woods, e racchiude questa energia distinta insieme al potere di trasporto di musica e abbigliamento. Per questo importante anniversario, Gucci aprirà pop-up in tutto il mondo, con pezzi disponibili per lo shopping proprio provenienti dalla nuova collezione. Un altro pop-up digitale commemorerà il centenario.