Greta Thunberg, attivista 15enne alla Conferenza sul cambiamento climatico: “Ci state rubando il futuro”

0
515
Greta Thunberg

Si è conclusa Sabato 16 dicembre 2018 la COP24, la Conferenza sul cambiamento climatico organizzata dalle Nazioni Unite a Katowice, in Polonia.

La conferenza, verteva sui criteri di misurazione delle emissioni di anidride carbonica, e sulle misure più efficaci da adottare, per contrastare il cambiamento climatico sul Pianeta.

Tra i vari interventi, ha destato scalpore, per chiarezza, lucidità, cultura, ma soprattutto coraggio, l’intervento di Greta Thunberg, un’attivista svedese di soli 15 anni appartenente al Climate Justice Now, il Movimento giovanile mondiale per il clima.

Greta Thunberg

La “piccola” Greta, con un piglio da leader, si batte da tempo per l’ambiente e la sua salvaguardia e con questo discorso, si è guadagnata il riconoscimento di “Teenager più influente del Mondo del 2018”, secondo il “Time”.

Greta Thunberg è conosciuta dai diplomatici internazionali, in quanto già nel Settembre di quest’anno 2018, si era fatta notare in tutto il Mondo, organizzando, dopo l’ultima torrida estate svedese, chiara evidenza dei disagi climatici in corso, una protesta sul tema del cambiamento climatico, arrivando anche a manifestare fuori dal Parlamento svedese, con l’intento di incontrare i politici e discutere del problema.

Il discorso della Thunberg alla COP24, mira a scuotere le coscienze: “Ho imparato che non si è mai troppo piccoli per fare la differenza“ afferma, focalizzando l’attenzione dei leader e dei diplomatici presenti, su come si sia ancora in tempo per cambiare le cose, ma come questo tempo sia ristretto, creando un profondo momento di riflessione.

Poi l’attenzione viene rivolta alle future generazioni: “Nel 2078 festeggerò il mio settantacinquesimo compleanno. Se avrò dei figli, forse passeranno quel giorno con me. Forse mi chiederanno di voi. Forse mi chiederanno perché non abbiate fatto niente, quando c’era ancora il tempo per agire.

Dite di amare i vostri figli più di ogni altra cosa, eppure state rubando il loro futuro proprio davanti a i loro occhi”, evidenziando che l’indifferenza, non si rivela una soluzione, poiché sta solo contribuendo a non offrire a nessuno un futuro certo.

“Se le soluzioni all’interno del sistema sono così impossibili da trovare, forse dovremmo cambiare il sistema stesso”, continua Greta, incentrando la questione su una totalità di meccanismi, attenti più alla crescita economica, che all’ambiente in cui tutti viviamo.

E in effetti, non esiste altra strada per il futuro dell’umanità; perseguire gli obiettivi di un risanamento climatico, tema considerato dai giovani, come uno dei perni centrali per creare un futuro e un Mondo migliore.

Poi, con una determinazione davvero disarmante, porta ai leader un messaggio molto chiaro: “Il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”; riferendosi alle trasformazioni delle energie rinnovabili e all’attuazione delle nuove politiche di sostenibilità ambientale.

“Il vero potere appartiene al popolo”, conclude infine Greta; un concetto che troppe volte sfugge a chi governa per dare spazio ad interessi personali, come precisa lei stessa, in una parte precedente del suo discorso con la frase: “Sono le sofferenze dei molti a pagare per il lusso dei pochi”.

Greta Thunberg è un coraggioso modello da seguire e una fonte di ispirazione, non solo per i più giovani, ma per tutti; ha dimostrato come la determinazione e la consapevolezza non siano una questione di età e come siano necessari pochi minuti, per descrivere un situazione ambientale e societaria disastrosa; una verità per molti scomoda, ma che deve essere diffusa per informare il popolo sulla sua reale gravità.

Una situazione che riguarda l’umanità intera, nessuno escluso.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here