Green pass dalla seconda dose: la direzione del CTS

0
356

Il green pass è probabilmente l’argomento più nominato dell’ultimo mese. Tra incertezze, confusione e chiarimenti sembra arrivare una nuova linea guida. Il green pass dalla seconda dose è la via che vuole intraprendere il Ministro della Salute su consiglio del CTS. Cosa dobbiamo aspettarci?

Si vuole concedere il green pass dopo la seconda dose di vaccino?

Il green pass è entrato nelle nostre vite a gamba tesa forse tanto quanto il Covid-19. Se il 2020 è stato l’anno della pandemia e della paura probabilmente il 2021 è l’anno dove tutti cercano di capire cosa devono fare per tornare a vivere serenamente la propria vita. E la risposta alla pandemia sembra il famigerato green pass. È in vigore ormai da circa un mese ma la confusione regna ancora. E stando alle ultime notizie trapelate dal Ministro della Salute diciamo che non è solo un problema di cittadini che non si informano ma anche di regole che cambiano repentinamente. La parte razionale e comprensiva che vive in ognuno di noi può capire che nessuno era pronto ad affrontare una pandemia. Qualche scivolone e qualche cambio di direzione solo lecite. Siamo tutti umani erranti. Ma l’altra faccia della medaglia ci fa anche pensare che nell’ultra nominato Comitato Tecnico Scientifico siano prese le decisioni a rigor di logica e sicuramente non come meglio vengono. Ai posteri l’ardua sentenza. Intanto cerchiamo di districarci nel fiume di notizie che piovono ogni giorno. E’ infatti di ieri la notizia che si vuole concedere il green pass dopo la seconda dose di vaccino. Ormai sembrava assodato che il vaccino fosse efficace al massimo solo dopo circa 10/15 giorni dalla seconda dose, ma probabilmente il bugiardino al CTS è arrivato solo la settimana scorsa.

Cosa cambia per i vaccinati?

Sostanzialmente non cambia nulla. O meglio, le modalità di emissione del green pass rimangono le medesime. Cambia solo che invece che arrivare dopo qualche giorno dalla prima dose bisognerà aspettare la seconda iniezione. Non sembra siano in programma rettifiche. Chi ha già ricevuto il green pass anche solo dopo la prima dose nei giorni scorsi non se lo dovrebbe veder sparire. Se non altro non è ancora stato detto questo. Chi ha ricevuto la prima dose in questi giorni e non sta ricevendo l’sms o la mail di conferma vuol dire che probabilmente sta già rientrando nel nuovo meccanismo. Anche se non si capisce ancora bene di preciso se sia già in vigore o se sia una proposta ma che ha messo in stand-by gli invii. Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, durante la trasmissione Agorà di RaiTre, ha affermato che la direzione indicata dal CTS è questa e che da questa settimana si inizierà a procedere. Nel frattempo rimangono invariate le modalità di rilascio per chi è guarito dal virus e per chi esegue un tampone con risultato negativo. E nel frattempo prosegue la lotta anche alle false certificazioni:


Green pass falsi: Gdf sequestrata diversi canali Telegram