Great Jones Distilling Co. apre una distilleria dopo 100 anni

0
284

La Great Jones Distilling Co. ha aperto le sue porte al pubblico nel quartiere di Manhattan. È il primo distretto dal Proibizionismo, un periodo in cui visitare una distilleria era una proposta molto diversa e illegale. 

Dove si trova la Great Jones Distilling Co.?

Al 686 di Broadway, New York, c’è l’edificio “NoHo” splendidamente restaurato. Il viaggio inizia quando metti piede nell’opulento atrio in stile Jazz Age vicino all’angolo di Great Jones Street. Attraverso i 28.000 piedi quadrati e i quattro piani dell’edificio, troverai una distilleria. In funzione, un ristorante, quattro bar distinti e un negozio di articoli da regalo. Puoi fare un tour della distilleria e una degustazione guidata dei tre liquori del marchio.

L’apertura del Great Jones Distilling Co.

Il ristorante, gestito dall’executive chef Adam Raksin, aprirà il mese prossimo con un menu americano contemporaneo pieno zeppo di ingredienti dello stato di New York. Il bar della sala da pranzo, così come uno speakeasy al piano interrato. E’ situato vicino a quello che si crede essere un vecchio tunnel di rum scoperto durante la costruzione. In entrambi i bar puoi gustare uno qualsiasi dei whisky del marchio, oltre a una vasta gamma di cocktail a base di whisky come: il Truffled Manhattan, Jones Julep e, il classico Old Fashioned. È inoltre possibile sorseggiare un drink nella lounge al terzo piano. Che offre una vista mozzafiato sulla strada sottostante ed è particolarmente adatta per riunioni di lavoro ed eventi privati.

Un progetto, finanziato dalla Proximo Spirits con sede nel New Jersey

Grazie al profondo amore per il whisky e gli spiriti del marchio Great Jones venduti oggi hanno iniziato la loro vita, sei anni fa presso la Black Dirt Distillery (anch’essa di proprietà di Proximo) nella parte settentrionale dello stato di Orange County, New York. Il processo viene svolto a NoHo sotto gli occhi attenti del capo distillatore Celina Perez e dell’assistente distillatore Jelani Johnson. Una volta distillato, il whisky viene messo in botti e inviato a Black Dirt, dove verrà invecchiato da quattro a cinque anni. “Amo Manhattan. Mi sono trasferito a New York 20 anni fa e non me ne sono mai andato”, ha detto Perez a Robb Report via e-mail. “Si potrebbe dire che amo di più il whisky e arrivare a farlo qui alla Great Jones Distilling Co. nel mezzo di Manhattan è un onore.  “

Scelta della location per il Great Jones Distilling Co.

L’intera operazione è impressionante, ma il fatto che la distilleria esiste potrebbe esserlo ancora di più. Proximo ha trascorso sei anni a trasformare Great Jones in realtà. Ciò includeva passare un anno a controllare ciascuno degli oltre 120 edifici destinati alla distillazione di alcolici a Manhattan prima di trovare la posizione giusta. Anche se è l’unica distilleria di whisky del distretto.

Gli ostacoli che il team ha dovuto affrontare durante il progetto

Un’altra ordinanza locale che proibisce la distillazione al di sopra del secondo piano ha reso necessario l’abbassamento di un piano di ben cinque piedi. Una camera di vetro a prova di esplosione a due piani è costruita per ospitare l’alambicco Vendome in rame da 500 galloni della distilleria, solo per essere sicuri. Quindi, poiché i camion per le consegne sono banditi da Great Jones Street, i barili di whisky devono essere trasportati con un carrello elevatore in determinati momenti della giornata per il trasporto in attesa su un’altra strada. Infine, c’è stata la pandemia di Covid-19, che ha ritardato l’apertura di un anno. Solo per arrivare a questo punto, il team doveva essere incredibilmente agile e flessibile, affrontando ogni nuova sfida con una mente aperta.

Nuovo dispositivo per conoscere il whisky ed eventuali truffe

Il debutto del Great Jones Distilling Co.

“Ogni volta che veniva effettuato un singolo e semplice passaggio a un piano, l’intero layout cambiava, rendendolo quello che consideravo uno ‘spazio vitale’, adattandosi costantemente a ciò che era richiesto in quel momento”, Andrew Merinoff, il project manager,  ha detto a Robb Report. “Alla fine, avevamo 6.000 planimetrie. Possiamo dire con sicurezza di aver scritto il playbook per quello che serve per debuttare a Manhattan con un progetto di questa portata”. Se stai cercando un modo per ravvivare una serata del fine settimana e aggiungere un po’ di varietà ai drink con gli amici, ti consigliamo di aggiungerlo alla tua lista di controllo di New York.