Grattacieli di Milano: il design guarda al futuro

0
312
grattacieli

Nella Milano di oggi vediamo sempre più dei grattacieli che mostrano un design estremo che guarda al futuro. Sembra quasi di vivere in una New York italianizzata. Quali sono i grattacieli che spiccano nel cielo?

Quando furono costruiti i primi grattacieli a Milano?

Dal primo grattacielo della città nel 1937, la Torre Snia Viscosa, ai grattacieli del dopoguerra e alle torri moderne, Milano ha iniziato ad abbracciare idee progressiste per la vita urbana. Che siano costruiti come una foresta verticale che esplora il processo di ibridazione o una riqualificazione mista, i progetti rivelano come Milano abbia iniziato a raggiungere nuove vette nella progettazione architettonica.


Vincent Callebaut: archibiotic il design del futuro


Torre ALLIANZ di Arata Isozaki e Andrea Maffei

Per realizzare questo progetto c’è dietro un insieme di architetti che hanno unito le loro idee. A causa delle dimensioni dell’area, hanno deciso di ambire a reinterpretare la complessità della città attraverso molti architetti che hanno portato l’idea di edifici con forme e materiali diversi. Alla fine hanno selezionato un sistema modulare composto da 6 piani ufficio con una pianta lunga e sottile. Una struttura imponente che spicca insieme ad altri due grattacieli.

Torre Allianz

Grattacieli complesso residenziale Cascina Merlata di Mario Cucinella Architects

Il progetto di Mario Cucinella Architects prevede la realizzazione di tre delle sette torri residenziali all’interno dell’Expo Village, progettato da Euromilano, nell’ambito della riqualificazione del Masterplan Cascina Merlata a Milano. I tre edifici si trovano nella zona a nord del Masterplan e sono stati utilizzati come Expo Village in una prima fase, per poi essere trasformati in appartamenti di edilizia popolare.

Complesso residenziale Cascina Merlata

Grattacieli PWC Tower di Studio Libeskind

La torre PWC completa il quartiere degli affari del masterplan CityLife a Milano. Vicino al centro del nuovo grand central park, è uno dei tre grattacieli commerciali iconici. Si trova tra le torri progettate da Zaha Hadid Architects e Arata Isozaki & Associates che hanno vinto il concorso in collaborazione con Studio Libeskind nel 2004. La Libeskind Tower si ispira alla sfera e si inclina verso l’interno verso le sue controparti e il parco centrale sottostante. Un design del futuro che ci porta al centro di New York oppure a quei grattacieli di Dubai.

PWC Tower

IULM Milan di Atelier Alfonso Femia

I tre edifici che dividono lo spazio edificabile sono destinati a funzioni diverse ma complementari. Nella torre al centro su una scala a chiocciola si trovano gli archivi, gli spazi di consultazione e la biblioteca digitale. Molte sono le iniziative e le attività di IULM nel campo della moda, del cinema, della comunicazione e del luogo di formazione e studio.

IULM Milan

Torre Generali di Zaha Hadid Architects

È allineata a livello del suolo con tre degli assi principali della città che convergono all’interno di CityLife. Il grattacielo Torre Generali che si eleva di ben 170 m (44 piani) si collega con le piazze pubbliche e il parco circostanti. Le geometrie curvilinee della sua base definite dalle forze centripete generate dall’intersezione sfalsata di questi tre assi della città. Questo vortice di forze centripete a livello del suolo viene trasferito verticalmente attraverso la torre riallineando successive lastre di pavimento di forma romboidale per torcere la torre attorno al suo asse verticale. Una vera e propria sfida della fisica.

Torre Generali

Grattacielo Bosco Verticale di Boeri Studio

Il primo esempio di “Bosco Verticale” è stato inaugurato nell’ottobre 2014 a Milano in zona Porta Nuova Isola, durante un ampio progetto di ristrutturazione guidato da Hines Italia. Il Bosco Verticale di Milano è formato da due torri di 80 e 112 metri, che ospitano 480 alberi grandi e medi, 300 piccoli alberi, 11.000 piante perenni e 5.000 arbusti. Si può affermare che si tratta di una superficie urbana di 1.500 m2 e di 20.000 m2 di bosco e sottobosco. Una visione naturalistica nel centro urbano.

Bosco verticale
Commenti