Gli Usa sanzionano parlamentari di Hezbollah

0
304
Gli Usa sanzionano parlamentari di Hezbollah

Gli Usa sanzionano parlamentari di Hezbollah.
Ieri, il dipartimento ha aggiunto all’elenco di persone sanzionate tre membri del movimento musulmano sciita libanese Hezbollah.
Questa è la prima volta che il dipartimento del Tesoro inserisce nella lista delle persone sottoposte a sanzioni due parlamentari libanesi. Si tratta nello specifico di Amin Sherri e Muhammad Hasan Ra’d.

L’accusa è quella di sostegno al terrorismo. E per sostenere l’accusa, il dipartimento ha pubblicato delle foto che ritraggono Sherri insieme a Soleimani. Qasem Soleimani è il comandante della forza Quds dei Guardiani della Rivoluzione iraniana.
Il terzo ad entrare nell’elenco di persone sanzionate per sostegno al terrorismo è Wafiq Safa. Questi è un esponente del movimento filo-iraniano. Ed è responsabile dell’Unità di collegamento e di coordinamento di Hezbollah con le agenzie di sicurezza libanesi.

Il sottosegretario americano al Tesoro per il terrorismo e l’intelligence finanziaria, Sigal Mandelker, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito. “Hezbollah usa agenti all’interno del parlamento libanese per manipolare le istituzioni a sostegno degli interessi del gruppo terrorista e per sostenere le attività maligne dell’Iran“. Quindi, gli Usa sanzionano parlamentari di Hezbollah.

Hezbollah è un movimento nato nel 1982 contro l’occupazione israeliana del Libano meridionale. In seguito è divenuto un partito politico locale. Alcuni stati considerano un gruppo terroristico solo l’ala militare di Hezbollah, e non la parte politica. Gli Usa e Israele, invece, lo considerano un gruppo terroristico.

Sotto l’amministrazione Trump, gli Usa hanno adottato un approccio più duro nei confronti del movimento libanese. Il 15 ottobre del 2018, infatti, lo hanno incluso in una lista di organizzazioni criminali transnazionali.

In realtà, gli Usa hanno designato Hezbollah come un’organizzazione terroristica già nel 1997; ma hanno sempre faticato a ostacolare la sua capacità di reperire risorse. Le sanzioni approvate ieri, però, impediscono ai sanzionati di far affari con cittadini americani.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here