Gli USA espandono il divieto sulla tecnologia cinese

0
330
Gli USA espandono il divieto sulla tecnologia cinese

Gli USA espandono il divieto sulla tecnologia cinese. Secondo quanto riferito, l’amministrazione Biden starebbe pensando di attuare nuovi controlli sulle esportazioni verso la Cina su tecnologie come l’informatica quantistica e l’intelligenza artificiale. I nuovi divieti sulle tecnologie avanzate rischiano di alimentare ulteriormente la tensione tra Washington e Pechino. Rischiamo anche di costringere altri paesi a schierarsi tra le due maggiori economie mondiali.

Gli USA espandono il divieto sulla tecnologia cinese

L’amministrazione Biden sta pensando di espandere il divieto sulla tecnologia cinese. Il governo americano sta infatti pensando di attuare nuovi controlli sulle esportazioni che limiterebbero l’accesso della Cina ad alcune delle più potenti tecnologie informatiche emergenti. Secondo quanto riferito, l’amministrazione Biden starebbe pensando di concentrarsi sull’informatica quantistica, nonché sul software di intelligenza artificiale. Bloomberg riferisce che gli esperti del settore stanno valutando come impostare i parametri delle restrizioni su questa tecnologia nascente. Il calcolo quantistico è un campo sperimentale con il potenziale per aumentare notevolmente la potenza e la velocità del calcolo, consentendo alle macchine di risolvere problemi oltre la capacità dell’attuale generazione di computer. Si prevede che un giorno capovolgerà la tecnologia di sicurezza informatica, poiché le macchine quantistiche potrebbero essere abbastanza potenti da decodificare le password e aggirare le funzionalità di sicurezza della crittografia.

Gli USA hanno intensificato le azioni per soffocare la capacità della Cina di sviluppare determinate tecnologie che considerano fondamentali nella competizione. All’inizio di questo mese Washington ha attuato delle restrizioni volte a ostacolare la capacità di Pechino di schierare semiconduttori all’avanguardia nelle armi e nei sistemi di sorveglianza. Le normative rilasciate all’inizio di questo mese hanno anche limitato il modo in cui i cittadini e residenti statunitensi possono partecipare alle aziende tecnologiche cinesi.


Leggi anche: Cina: gli USA sono il “principale istigatore” della guerra in Ucraina