Gli USA chiedono il ritorno di Taiwan all’OMS

Il segretario di Stato americano Antony Blinken chiede di consiste a Taiwan di partecipare all’Assemblea mondiale della sanità come osservatore

0
381
Gli USA chiedono il ritorno di Taiwan all’OMS

Gli USA chiedono il ritorno di Taiwan nell’Assemblea mondiale della Sanità, l’organo legislativo dell’OMS che si riunirà dal 24 maggio. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato: “Non c’è giustificazione ragionevole per proseguire l’esclusione di Taiwan a questo forum”. Questa mossa potrebbe scatenare la reazione della Cina.

Gli USA chiedono il ritorno di Taiwan all’Assemblea OMS?

Gli USA hanno chiesto il ritorno di Taiwan all’Assemblea mondiale della sanità (WHA). Il segretario di Stato Antony Blinken ha chiesto all’Assemblea di consentire a Taiwan di partecipare come osservatore alla riunione annuale alla fine di questo mese. Blinken ha invitato il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, a invitare Taiwan a partecipare nonostante le proteste della Cina. Blinken ha affermato: “Non c’è giustificazione ragionevole per proseguire l’esclusione di Taiwan a questo forum. Le sfide per la salute globale e la sicurezza sanitaria globale non rispettano i confini né riconoscono le controversie politiche”. Ha poi aggiunto: “Taiwan offre preziosi contributi e lezioni apprese dal suo approccio a questi problemi, e la leadership dell’OMS e tutte le nazioni responsabili dovrebbero riconoscere che escludere gli interessi di 24 milioni di persone all’OMS serve solo a mettere in pericolo, non a far avanzare, i nostri obiettivi di salute globale condivisi”.

G7 sostiene il rientro di Taiwan all’OMS

Anche il G7 sostiene il rientro di Taiwan all’OMS. In un comunicato rilasciato dopo il summit a Londra si legge: “Sosteniamo la significativa partecipazione di Taiwan ai forum dell’Organizzazione mondiale della sanità e all’Assemblea mondiale della sanità. La comunità internazionale dovrebbe essere in grado di trarre vantaggio dall’esperienza di tutti i partner, compreso il contributo positivo di Taiwan alla lotta contro la pandemia di coronavirus”.

Gli USA chiedono il ritorno di Taiwan all’OMS: la Cina di oppone

La mossa degli USA scatenerà la reazione della Cina. Pechino si oppone alla partecipazione di Taiwan all’OMS perché considera l’isola parte del suo territorio sovrano.  Il ministro degli Esteri cinese, Wang Wenbin, dopo il comunicato dei ministri degli Esteri del G7, ha affermato: “La partecipazione della regione cinese di Taiwan alle attività di organizzazioni internazionali, inclusa l’OMS, che sono formate da nazioni sovrane, deve essere gestita in conformità con il principio della Cina unica”.

Taiwan fu il primo paese a lanciare l’allarme Covid-19

Taiwan è uno dei primi paesi che ha lanciato l’allarme sulla pandemia di Covid-19, scrivendo all’OMS il 31 dicembre 2019. Nel comunicato aveva scritto che era a conoscenza di “almeno sette casi di polmonite atipica a Wuhan”, la città cinese dove è scoppiata l’epidemia è stato segnalato per la prima volta.


Taiwan schiera missili dopo l’avvistamento di jet cinesi