Gli Uffizi di Firenze celebrano l’8 marzo

0
285
Gli Uffizi

Anche gli Uffizi di Firenze, hanno deciso di dare il loro omaggio alle donne. Mediante un video che ritrae tre dame della famiglia Medici.

Come celebrano le donne gli Uffizi?

Gli Uffizi hanno deciso di dare il loro contributo alle donne. Lo fanno con un video raffigurante tre donne della famiglia Medici. Caterina, regina di Francia,Vittoria Della Rovere, moglie di Ferdinando II e Anna Maria Luisa, elettrice paladina. Grazie alle molte iniziative social, la mattina di lunedì 8 marzo appunto, verrà narrata la storia di queste tre dame. Carolina Forasassi sarà colei che racconterà ad una ad una, le gesta meravigliose di questi personaggi ed il perché sono entrate nella storia. Un esempio di femminilità, di raffinatezza. Ma anche di potere, di speranza, che possa risultare agli occhi delle donne odierne, un esempio positivo da ricordare.


8 marzo 8 libri sulle donne per le donne e per gli uomini


La storia delle donne Medici

Caterina de Medici è nata a Firenze nel 1519. È la prima donna italiana a inventare di fatto regina di Francia. Una volta entrata al potere, porterà il gusto fiorentino nella patria che l’ha accolta. Il gusto e la raffinatezza della donna, guarderà al rinnovo del paese con occhi differenti. Migliorandone, appunto, lo stile e la cultura. Vittoria Della Rovere,invece, è nata a Pesaro nel 1622. Un’ereditiera imponente, ultima discendente della famiglia del Ducato di Urbino, farà un grande dono alla Famiglia Medici. Ebbene, lei, porterà sette carri stracolmi di opere d’arti che, ad oggi, sono gelosamente custoditi nella galleria degli Uffizi. Tra queste opere, possiamo citare quelle di Piero della Francesca, di Tiziano e di Raffaello Sanzio. Anna Maria Luisa de Medici è nata a Firenze nel 1667 ed è l’ultima della dinastia. Una donna estremamente saggio a, che decise di legare le opere artistiche appartenente ai Medici alla Toscana mediante un “patto di famiglia” nel 1737. Esso sanciva che tutti i beni fossero legati al territorio, per cui inamovibili dallo stesso.