Gli scienziati svelano il mistero di Antikythera

0
246
Gli scienziati

Grazie al lavoro degli scienziati, il mistero di Antikythera, un meccanismo considerato il computer più vecchio al mondo, è svelato. Si tratta di un dispositivo vecchio di 2000 anni appartenente all’epoca greca.

Che cosa hanno scoperto gli scienziati?

Gli esperti, hanno cercato di ricreare il dispositivo vecchio di 2000 anni. Ritrovato nel 1901 in Grecia, dopo un naufragio risalente all’epoca romana. Hanno quindi cercato di capirne il reale funzionamento, sebbene pare che lo scopo primario sia ben chiaro. Infatti, fu utilizzato per prevedere eclissi ed ulteriori avvenimenti astronomici. Purtroppo, solo un terzo di questo marchingegno fu rinvenuto. Cosicché sono gli stessi scienziati a dover capire come, realmente funziona. La parte posteriore, fu studiata e compresa in precedenza. Mentre il mistero di quella anteriore perora ancora nel tempo. Grazie alle moderne tecnologie e, agli studi attuati dall’University College di Londra, si pensa di aver risolto il puzzle. Ciò, grazie ad una ricostruzione con la tecnologia in 3D.

“Sidereus Nuncius”: Galileo Galilei pubblica il trattato di astronomia

La rivelazione di Scientific Reports

Mediante un documento pubblicato su Scientific Reports, è emersa una nuova rivelazione. Il sistema ad ingranaggi studiato dagli scienziati, è di per sé molto complesso e, permetteva di vedere il Sole, la Luna e le stelle. Secondo il professor Tony Freetown, le prove scientifiche dimostrate, corrispondono alle incisioni sullo stesso meccanismo. Questo, è descritto come un calcolatore astronomico. Teoria che riconduce tutti gli scienziati a credere che il dispositivo sia a tutti gli effetti il primo computer analogico al mondo. Lo realizzarono in bronzo e, possiede agli effetti, dozzine e dozzine di ingranaggi. La copertura posteriore, mostra uno schermo, se così è possibile chiamarlo, che ritrae il movimento dei cinque pianeti che, all’epoca si conoscevano. Purtroppo sono solo 82 frammenti, che corrispondono circa ad un terzo quelli rinvenuti. Motivo per cui, gli scienziati hanno ricostruito un modello completo ai raggi X. Attuando anche, un calcolo matematico dell’antica Grecia.

Commenti