Nelle Ande peruviane si racconta ancora una vecchia leggenda di una tecnica misteriosa usata dagli Incas per “ammorbidire” le pietre e disporle a piacimento, come se fossero argilla. Quando davvero e quanto di mito c’è in questo? Cosa ci dicono gli studiosi che hanno investigato al riguardo? Scoprilo in questo articolo.

L’incredibile architettura Inca.

L’osservazione degli innumerevoli resti lasciati dagli Incas, soprattutto a Cusco, Sacsayhuaman, Ollantaytambo, Machu Picchu, tra gli altri, mostrano sulla superficie delle grandi pietre che formano le pareti, dei segni, come dei marchi di fabbrica. Molti sono come come graffi, tagli e curiose protuberanze, la cui realizzazione avrebbe potuto essere possibile solo se fossero stati sottoposti a un sistema straordinario e perfetto di intaglio o di un metodo ancora più incredibile sul quale c’è stato un gran parlare di nel corso del tempo.

C’e’ la possibilità da parte degli Incas, di avere ottenuto il rammollimento della pietra attraverso qualche processo chimico di origine biologica sconosciuta e attraverso questa duttilità, di essere riusciti ad incastrare perfettamente una pietra a fianco o sopra le altre, in modo tale da non avere il più piccolo spazio vuoto tra i vari massi.

A Hiram Bingham fu detto dell’esistenza di una pianta con i cui succhi gli Incas ammorbidirono le pietre in modo da poterle adattare perfettamente.

Esistono documenti ufficiali su questa pianta di cui parlarono i primi cronisti spagnoli. In seguito riportò questa testimonianza:

“Un giorno, mentre ero accampato presso un fiume roccioso, osservai un uccello in piedi su di un masso con una foglia nel becco e vidi come l’uccello depositava la foglia sulla pietra e la beccava. L’uccello tornò il giorno successivo, a quel punto si era formata una concavità dove c’era stata la foglia.

Con questo metodo, aveva creato una “coppa” per raccogliere e poter bere l’acqua che vi si era raccolta dentro. Considerando il fatto che il lichene ammorbidisce la pietra per legare le sue radici sotto la superficie e forse considerando la continua estinzione delle specie di questa pianta, questa nozione andrebbe considerata più a fondo. ” Richard Nisbet (1).

Le mura ciclopiche si Sacsayhuaman

I cronisti della prima metà del sedicesimo secolo furono sorpresi quanto i conquistadores che effettuarono l’impresa della conquista del Perù. Non riuscivano a capire come fosse possibile che tra le giunture delle perfette mura Inca di Cusco, non si potesse nemmeno inserire il filo di un rasoio. Non riuscivano a capire come fossero state scolpite le pietre colossali di Sacsayhuaman, per molti una fortezza militare, per altri un complesso sacro, per altri un osservatorio celeste ma per altri ….un gigantesco enigma dalla grandezza pari alle sue dimensioni. Rimasero pieni di dubbi e perplessità quando entrarono nel Coricancha, la sacra sede del dio del sole Inca, dove furono abbagliati, non tanto dall’oro che trovarono gli Spagnoli, ma dalla perfezione delle sue forme architettoniche, anche paragonando Cuzco con Roma. Gerusalemme o gli antichi templi greci.. Le pietre delle pareti sembravano essere state saldate insieme!

Chi si reca a Cuzco, può trovare quasi nel centro storico della città, molto vicino a Plaza de Armas o Plaza Mayor, quello che gli Incas chiamavano Huacaypata. Sulla Avenida del Sol, c’è uno dei più emblematici siti della antica capitale Inca, la Chiesa di Santo Domingo. Proseguendo si arriva al Coricancha, li míticoTemplo do Sol, il cui nome in Quechua significa “recinto d’oro”, la casa di Inti, la divinità principale dell’Impero Inca. Qui le guide spiegano ai turisti che gli spagnoli usarono persino la dinamite nel tentativo di abbattere muri di pietra che nemmeno i terremoti possono gettare a terra.

Nonostante l’inclemenza del tempo e degli uomini, queste bellissime lastre di bianco, blu e rosso andesite sono sopravvissute per la meraviglia dei locali e degli stranieri.

“Gli esperti non sanno come siano state sollevate, ma queste mura rigonfie, sembrano tutte d’un pezzo”, spiegano.

E non c’è da meravigliarsi … le guide turistiche infarciscono la testa dei visitatori con la grandezza dell’impero degli Incas, ma non possono spiegare come sia stato costruito questo tempio, come molti altri monumenti dell’antico Perù e del mondo.

Da allora, la mia curiosità il mistero delle pietre Inca non mi ha lasciato.

In che modo gli Incas riuscirono ad adattare quei giganteschi blocchi di pietra, di diverse forme e dimensioni, perfettamente alle loro mura ciclopiche?

Per secoli, la capacità dell’uomo andino di scolpire pietre e costruire mura in grado di resistere all’infinito, è rimasta coperta dalla nebbia del mito. La scienza, nel suo tentativo di risolvere l’enigma, si è letteralmente rotta la testa contro i muri Inca. L’archeologia tradizionale, che non supporta considerazioni che vadano oltre i suoi rigidi dogmi, ne ha fatto le spese e essa non ha avuto migliore idea che ricorrere alla tesi trita e ritrita delle pietre scolpite con scalpelli e martelli, perché non concepisce che la tecnologia antica peruviano ha conosciuto ben altro che l’arco e la freccia.

L’ archeologia classica Ibero-americana è stata scossa nel 1983, quando la catena spagnola RTVE emise il documentario televisivo The Other Perù, come parte della serie emessa dal famoso psichiatra e ricercatore Jimenez del Oso.

In questo programma fu messo in mostra uno dei più grandi enigmi dell’antico Perù, durante il quale l’autore intervistò un personaggio insolito: padre Jorge Lira.

Padre Jorge Lira

Raccontò il giornalista spagnolo Juanjo Perez, che il padre Lira, un prete peruviano, fu uno dei massimi esperti del folklore andino, fu l’autore di numerosi libri e articoli e, soprattutto, il primo dizionario da Quechua a Castellano. Il personaggio menzionato viveva in un villaggio vicino a Cusco fino a quando arrivò Jiménez del Oso, per intervistarlo su una sua dichiarazione inquietante: il prete aveva affermato di avere scoperto il segreto meglio custodito degli Incas: una sostanza di origine vegetale in grado di ammorbidire le pietre.

Ma questa storia iniziò molto prima. Le leggende di molti popoli precolombiani e peruviani sostengono che gli dei avevano fatto due doni ai nativi in ​​modo che potessero effettuare opere architettoniche colossali, come Sacsayhuaman e Machu Picchu. Questi doni, secondo padre Lira, sarebbero stati in primo luogo le foglie di coca, un anestetico potente che permise ai lavoratori di resistere al dolore e alla stanchezza fisica, immaginate lo sforzo che deve aver richiesto la costruzione di tali monumenti, e il secondo sarebbe stato una pianta, dalle proprietà incredibili che, mescolata con vari componenti, trasformava le rocce più dure in una sostanza pastosa e plasmabile.

Pietre del Tempio del Sole o La Grande Grotta di Machu Picchu.

Padre Jorge Lira, ora deceduto, era un prete cattolico e uno dei più prestigiosi esperti nel folklore andino.

“Per quattordici anni, scrive Juanjo Perez, il padre Lira studiò le leggende delle antiche Ande e finalmente riuscì a identificare l’arbusto dello Jotchala, la pianta che, dopo essere mescolata e trattata con altre piante e sostanze, era in grado di convertire la pietra in fango. “Gli andini padroneggiavano la tecnica della trasformazione delle pietra in un impasto, aveva dichiarato padre Lira in uno dei suoi articoli, ammorbidendo la pietra che veniva ridotta ad una massa morbida e facilmente modellabile”.

Jotcha – Ephedra andina

“Il prete”, continua Pérez, “condusse diversi esperimenti con l’arbusto di Jotcha e riuscì a far sì che una roccia solida si ammorbidisse fino quasi a liquefarsi. Tuttavia, non riuscì ad indurirlo di nuovo, così considerò il suo esperimento un fallimento.

Ma nonostante questo parziale fallimento, Padre Lira è riuscito a dimostrare che la tecnica di ammorbidimento è possibile. Questo spiegherebbe i sorprendenti raggruppamenti di alcune delle rocce colossali che costituiscono le mura di Sacsayhuaman o di altre fortezze precolombiane “. (Articolo pubblicato su Vivat Academia Magazine, numero 46, giugno 2003)

L’efedra andina, la pianta rompi ossa

L’antropologo e studioso argentino Aukanau, nel suo testo dedicato all’enigma dell’uccello Pitiwe e dell’erba che dissolve il ferro e la pietra, ci ricorda l’esistenza di una pianta considerata medicinale dai Mapuche che cresce negli altopiani andini, dall’Ecuador allo stretto di Magellano. I botanici la chiamano Ephedra andina ed è uno dei sospettati di essere la famosa e molto ricercata erba degli Incas.

Non sorprende che, istintivamente, gli animali la evitino, perché abbiamo visto cosa succede quando ingerito: sono noti casi di piccoli mammiferi come volpi e cavie che sono morti con i corpi gonfi e ossa disseccate dai succhi dei rami e delle foglie.

È un cespuglio densamente ramificato, rami contorti, alto fino a 40 cm. la radice a volte si alza, a volte si interra; rami accuminati e foglie a spirale.

Tuttavia, Padre Lira morì nel 1988 e portò alla tomba il segreto della sostanza originale e del suo impiego e fino ad ora nessuno è stato in grado di identificare la strana pianta con precisione e, sebbene molti specialisti azzardino speculazioni, non esistono nemmeno documentazioni accurate per metterlo in relazione con l’Ephedra andina.

Grazie per avere visitato il canale e arrivederci al prossimo articolo!

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here