Giornate FAI Puglia: cosa vedere

0
320
giornate fai d'autunno

Le giornate FAI Puglia continuano anche per i giorni 24 e 25 ottobre 2020. La regione apre al pubblico numerosi luoghi in occasione delle giornate d’autunno. Chiunque desideri trascorrere un fine settimana alternativo è più che invitato a scoprire i tesori pugliesi. Il personale FAI è organizzatissimo e le guide sono pronte e rispondere a tutte le curiosità riguardanti questi luoghi.

Dove sono le aperture al pubblico in Puglia?

La regione Puglia non ha bisogno né di presentazioni né di pubblicità. Spesso nasconde però gelosamente perle rare ai turisti. Le giornate FAI d’autunno sono l’ideale per riscoprire luoghi spesso dimenticati e per godere della loro bellezza. Le misure restrittive imposte dal governo potrebbero essere un’opportunità per esplorare la propria terra senza sconfinare. I luoghi aperti dal FAI ai curiosi sono disseminati in tutta la regione. Chi desidera andare a Bari (e provincia) avrà cinque visite tra cui scegliere. Coloro che si trovano a Lecce o vogliono recarvisi troveranno quattro luoghi scelti con cura dagli esperti. Foggia presenta due luoghi magnifici e imperdibili. Brindisi e Taranto propongono rispettivamente una chicca a testa.


Giornate FAI Trentino – Alto Adige: cosa vedere


Giornate FAI in Liguria: i tesori da scoprire


Cosa vedere a Bari in occasione delle giornate FAI Puglia?

Bari e provincia hanno un patrimonio storico, artistico e culturale sconfinato. Estrapolare solo cinque luoghi da aprire al pubblico in questa occasione è stata sicuramente una scelta ardua per il FAI. La prima meta proposta è il Casino Messere a Giovinazzo (Bari). Per la visita i gruppi sono composti da un massimo di quindici persone e l’ingresso è scaglionato a turni ogni mezz’ora. Sempre nelle vicinanze è possibile visitare il Convento del Santuario della Madonna della Vetrana. A Conversano si può curiosare nella Torre di Castiglione, immersa nella natura. Nella Bari vecchia, incastonate nelle facciate dei palazzi, è possibile ammirare le edicole votive, anche dette madonnelle o nicchie. Attenzione, per far parte di questo gruppo di visitatori occorre prenotare entro il giorno 23 ottobre. A Molfetta si può andare a scoprire il Calvario, un piccolo tempio in stile neogotico.

Ecco i luoghi aperti dal FAI a Lecce e a Foggia

Nella meravigliosa città di Lecce il FAI non poteva che portare alla luce dei tesori. Si può iniziare recandosi alla Chiesa dei santi Niccolò e Cataldo. Un ottimo proseguo è il Palazzo Giaconia. Imperdibile è anche l’ Abbazia di Santa Maria di Cerrate. A Soleto (Lecce) il FAI organizza un tour per scoprire gli edifici e i monumenti greci e bizantini. Infatti, giocosamente, l’esperienza si intitola Paese che FAI…Grecia che trovi. Le esperienze proposte a Foggia di certo rompono la monotonia dei weekend casalinghi. La prima particolare offerta è il Parco dell’Iconavatere e il percorso dei luoghi della transumanza. A Lucera è invece possibile ammirare il maestoso Anfiteatro Augusteo. Questo luogo è sicuramente la fonte di attrattiva più diversificata per quanto riguarda l’età del pubblico.

Giornate FAI d’autunno: cosa vedere a Brindisi e Taranto

Le giornate FAI Puglia hanno come ultime destinazioni (non certo per importanza) le città di Brindisi e Taranto. Per coloro che si trovano a Taranto è imperdibile la visita all’Arsenale Militare Marittimo e la mostra storica. Ad Ostuni (Brindisi) il FAI propone l’entrata alla Masseria il Frantoio. l’esperienza è intitolata I patriarchi verdi di una masseria ostunense. La masseria ospita oggi un’azienda agricola biologica, nota per la produzione di diversi tipi di olio d’oliva. Questa ultima proposta pugliese potrebbe regalare qualche gioia anche al palato dei visitatori. Per qualsiasi ulteriore informazione riguardante orari, biglietti e prenotazioni delle visite è sufficiente consultare il sito del FAI.

Commenti