Gioielli Gismondi 1754 arriva nel Regno Unito

Gismondi 1754 ha stretto un accordo con la società inglese Ermelinda che si occuperà della distribuzione dei gioielli dell'azienda genovese sul mercato britannico.

0
411
Gioielli Gismondi 1754 nel Regno Unito
Gismondi 1754 ha avviato una collaborazione con gli inglesi di Ermelinda

Gioielli Gismondi 1754 ha stretto un importante accordo commerciale che porterà l’azienda di gioielleria genovese ad espandere ulteriormente il suo raggio d’azione in Europa. Il brand ligure, infatti, ha firmato un contratto di distribuzione con Ermelinda, società inglese che si occuperà dell’approdo dei preziosi Gismondi 1754 nel Regno Unito.

Massimo Gismondi, amministratore delegato dell’azienda italiana, ha dichiarato che questa partnership rappresenta un altro importante passo in avanti verso lo “sviluppo internazionale del nostro brand”. I vertici della società genovese già da un po’ di tempo stavano seguendo il mercato britannico, ritenendo che avesse delle “elevate potenzialità”.

Gioielli Gismondi 1754: i termini dell’accordo con Ermelinda

L’intesa siglata da Gioielli Gismondi 1754 ed Ermelinda è biennale, e prevede che il fornitore inglese svolga attività di distribuzione nel Regno Unito sia per quanto riguarda l’ingrosso che per le special sales. L’azienda di Genova, a sua volta, invierà un determinato quantitativo di gioielli in conto-visione per permettere al partner inglese di promuoverne la vendita.

Ermelinda si è anche impegnata a raggiungere un obiettivo di fatturato di almeno 1,3 milioni di euro nei prossimi due anni. Qualora non si dovesse arrivare a questa cifra, verrà automaticamente a cadere il rinnovo dell’accordo.

Sergio Rossi diventa di proprietà dei cinesi di Fosun Fashion

Invece, se il target di profitto verrà messo a segno, allora sia Gioielli Gismondi 1754 che Ermelinda continueranno a portare avanti la collaborazione, fondando una newco entro 90 giorni dalla scadenza del contratto annuale. Le quote di maggioranza saranno gestite dalla società italiana.