Giocare nei casinò online italiani tramite i PVR, ecco le regole da rispettare

I Punti Vendita Ricariche consentono di aprire e gestire giocate sui siti casinò online. Le nuove prescrizioni dell’ADM

0
209

Il mondo del gioco online, sia quello delle scommesse che quello dei migliori siti casinò, e il mondo del gioco fisico sono sempre più interconnessi. Chi ha un conto di gioco virtuale può rivolgersi a punti vendita fisici per effettuare ricariche o anche per giocare. Inoltre grazie alla diffusione dei PVR, i Punti Vendita Ricariche, il canale fisico e quello telematico dei siti casinò online viaggiano sempre più in parallelo.

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha diffuso una nuova circolare che mira a chiarire compiti e doveri degli esercenti che detengono PVR e concessionari, regolandone il rapporto. Si tratta di una circolare che mira a stabilire quali sono i comportamenti ritenuti idonei rispetto ad altri che potrebbero portare alla decadenza della concessione. Ma a conti fatti si tratta di prescrizioni difficilmente applicabili che di fatto fanno ricadere sui concessionari dei siti scommesse e dei top casinò una serie di controlli sui PVR impossibili da implementare.

Cosa sono i PVR e che ruolo hanno nei migliori casino online italiani

Il punto vendita ricarica è un’attività che può essere abbinata a un’altra attività commerciale già esistente, come quella di un’edicola, di un bar, di un Internet point o una sala giochi. Attraverso un PVR è possibile aprire conti di gioco per un determinati siti di scommesse sportive o casinò online italiani con regolare licenza.

Una volta aperto il conto di gioco tramite il PVR, l’utente ha la possibilità di giocare autonomamente, sul miglior sito casinò online AAMS. Si tratta esclusivamente dei siti di gioco con regolare licenza, come quelli indicati su MiglioriCasino. L’esercente, titolare del PVR, guadagna sull’apertura dei conti di gioco e anche sulle quote giocate. Tra i servizi proposti dal PVR ai giocatori vi sono: l’apertura del conto su siti casino online o scommesse; la ricarica del conto; il prelievo dal saldo dal conto di gioco; l’assistenza utenti che ne avessero bisogno; servizi di stampa e promemoria delle giocate.

La circolare ADM e cosa cambia per i PVR

All’interno della nuova circolare l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli invita i concessionari ad effettuare tutta una serie di controlli sulle agenzie di gioco sul territorio e sui PVR. Ma emergono problemi da un punto di vista applicativo. La discussione verte sulla difficoltà dei concessionari a far osservare o a controllare in tempo reale che gli esercenti non violino le varie prescrizioni.

La domanda che si pongono i titolari di concessioni, gestori dei siti casinò online sicuri AAMS è: fino a che punto è possibile controllare e poi anche rispondere dei comportamenti dei tanti esercenti che operano sul territorio? Nella circolare sono elencate chiaramente tutte le prescrizioni, ma d’altro canto non vengono chiarite le possibili azioni concrete da parte dei concessionari.

Le nuove prescrizioni per concessionari

Una delle prescrizioni indicate riguarda il divieto di apertura dei conti di gioco intestati ai titolari stessi degli esercizi commerciali, ossia gli esercenti dei PVR, ma anche al personale dipendente, ai familiari e conviventi dei titolari stessi. L’enunciato di questa prescrizione è molto chiaro, ma è la sua applicazione risulta davvero difficile. Ad esempio, risulta impossibile da parte del concessionario effettuare controlli sul fatto che il titolare del PVR possa aprire o non aprire conti di gioco a familiari. È difficile già individuare quali siano i familiari, serve stilarne un elenco? Altresì è complicato capire fino a quale grado di parentela questi possano essere considerati tali.

Tra le altre prescrizioni difficili da osservare vi sono: l’aggiornamento delle misure di geolocalizzazione degli indirizzi IP utilizzati dagli esercenti: qui la difficoltà sta nel fatto che gli esercenti non sono tenuti ad avere un IP pubblico. Inoltre si prescrive anche la verifica della corrispondenza tra gli IP utilizzati dai giocatori e l’analisi del volume di gioco effettuato su ciascun conto a seguito della ricarica.

Insomma la strada che mira a creare una sinergia sempre più forte tra il gioco a distanza sui migliori siti casinò online sempre più popolari, e i punti fisici sul territorio, presenta qualche difficoltà attuativa e probabilmente necessita di una semplificazione.