Gianni Carrea e Enrico Merlo tra Africa e Liguria

Allestita nella Galleria delle esposizioni di Genova e curata da Stefano Bigazzi, la mostra è composta da cinquanta pitture dei due artisti figurativi liguri ed è aperta al pubblico dal 2 al 18 luglio.

0
300
Gianni Carrea e Enrico Merli
Un dipinto di Enrico Merli

Una mostra di due pittori liguri, tra i colori della Savana e l’incanto dei paesaggi marini e collinari di Genova. Giovedì 1 luglio alle 17.30 all’auditorium del Galata Museo del mare  inaugura “Gianni Carrea e Enrico Merli. Dipinti”. Cura l’esposizione, visitabile dal 2 al 18 luglio, Stefano Bigazzi.


Pathe O: il sarto di Mandela crede nell’eccellenza della moda africana


Chi sono Gianni Carrea e Enrico Merlo?

Carrea è un pittore iperrealista che vive e lavora a Genova, interessato a immagini di persone e animali della Savana. Si è recato oltre cento volte in Africa, valorizzando con grande realismo le esplorazioni e il rapporto con le altre culture e civiltà. Gianni muove le emozioni e i sentimenti che si adagiano sui fondali della coscienza. È dunque arte che induce alla riflessione, pone interrogativi, religiosa e umanistica nel contempo. Si esprime pertanto con un’esplorazione culturale e antropologica del Continente nero.

La Liguria di Merli

Ilaria Cavo, Assessore alla cultura di Regione Liguria parla invece di Enrico. «lo sguardo realista e figurativo di Merli è puntato sul territorio, sui tanti affascinanti scorci paesaggistici. Sa cogliere le luci e i colori, creando suggestioni ed emozioni in cui la presenza delle persone è realtà viva». Descrive il mare ligure visto dalla costa, bello e difficile, cosi come è nascosto a tratti dai pini o dagli arbusti. Paesaggi umani, naturali e antropizzati avvolti nel silenzio. La mostra propone quindi interpretazioni del mondo e della sua diversità che coinvolgono, fanno riflettere e invitano ad approfondirne la conoscenza.

Un’esposizione che collega Liguria e Africa

Il percorso è formato da cinquanta opere che, tra segni e sensazioni, raccontano intrecci di storie, sacrifici e sentimenti. Gianni Carrea porta i colori e le tradizioni africane in Italia, mentre Enrico Merli emoziona con paesaggi liguri e ritratti. All’inaugurazione intervengono la presidente del Mu.Ma, Nicoletta Viziano, la Consigliera con delega alle Relazioni istituzionali, Laura Repetto. Partecipano poi il presidente di EventidAmare, Pietro Bellantone, e il curatore della mostra, Stefano Bigazzi.
La mostra è aperta dal 2 al 18 luglio, da lunedì a sabato dalle 11 alle 19 (ultimo ingresso ore 18). Domenica, invece, è visitabile dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso ore 18). Il catalogo è di Erga Edizioni.

Immagine cartella stampa.