Giacomo Toni torna con Nafta: in uscita il 27 ottobre

0
151

Non poteva scegliere titolo migliore. Giacomo Toni torna con un nuovo album che chiamarlo esplosivo sarebbe troppo, ma è pericolosamente infiammabile. Il 27 ottobre esce Nafta, l’ultimo disco di Giacomo Toni, pubblicato da Brutture Moderne. La finalità del disco è quella di donare voce alla “musica eterosessuale”. Di continuare a difendere i lati oscuri della provincia, dell’immoralità quotidiana e dell’ambiguità. Il lavoro sembra il sequel de “Gli Scontati” il progetto del 2016, nato in coppia con Lorenzo Kruger.

In Nafta non si parla di amore, e questo dovrebbe esserci scritto in neretto sulla copertina del disco, come avvertenza. I temi trattati variano dalla vita tipica della provincia romagnola, alla droga, al sesso, al disagio giovanile, al lavoro, allo squallore di certi bar ad una certa ora. Ma tutto questo viene raccontato con il tipico stile di Toni: sono tutte storie, che più che cantate sono narrate, parlate. La dissonanza che c’è tra i temi e gli strumenti usati per raccontarli è sottile e divertente. C’è l’uso del pianoforte, del sax, dei tromboni. C’è una confusione pazzesca che mette allegria, nonostante lo stile ed il genere trattati non siano per tutti. Toni definisce Nafta come un’incursione a parola armata.

La differenza dal resto è fortemente voluta. In un momento in cui l’omologazione fa da padrona, e cavalca l’onda del gusto contemporaneo, fatto di pop e indie-rock, Toni irrompe scardinando ogni sicurezza, punto fisso. I suoi concerti sono condivisioni e piccoli blitz al pubblico.

Questo è un caos profondamente voluto, è un disordine impetuoso che si insidia molestando. Ma è unico. E’ diverso ed è strano nell’accezione più positiva del termine. Del resto dopo “Il bevitore Longevo” di qualche anno fa, cosa ci potevamo aspettare? Queste le tracce:

1. Lo strano
2. A nessuno
3. Cugino Motorio Pasticca
4. Chinatown
5. Il porco venduto che sono
6. Ho perso la testa
7. Il diavolo marrone
8. Codone lo sbirro
9. Inchiodato a un bar

A voi la scelta. Se volete smettere di annoiarvi avete un buon consiglio da seguire.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here