Germania-Elezioni federali 2017: Tris di vittorie per la Merkel

0
425

 

Domenica 15 maggio il partito cristiano democratico (CDU) ha consolidato la posizione di favorita della sua leader Angela Merkel per le elezioni federali del 24 settembre prossimo. L’Unione Cristiana Democratica ha difatti vinto, con il 34% di voti, uno scrutinio essenziale nello stato più popolato della Germania (18 milioni di abitanti) distanziando di 3 punti il partito social democratico (SPD) di Martin Schulz.

Una sconfitta amara per il partito SPD che non solo segna in questa regione uno dei risultati più bassi della sua storia ma perde anche un suo feudo storico. Dal 1966 tutti i ministri presidenti che si sono susseguiti erano membri del SPD all’eccezione di Jurgen Ruttgers (CDU) che fu alla presidenza della regione dal 2005-2010.

Nel 2012, il partito aveva distanziato di 13 punti i cristiano democratici realizzando il 39,1% di voti.

Una sconfitta che ha anche del personale per Martin Schulz. Quest’ultimo, originario della regione (è nato a Eschweiler nel 1955) è stato anche sindaco della città di Wurselen dal 1987 al 1998.

La cancelliera Merkel, in carica dal 2005, conquista quindi il suo terzo successo consecutivo dell’anno dopo le regioni della Saar e dello Schleswig-Holstein. Una scia di vittorie che contraddice gli osservatori che avevano visto sia nella pesante sconfitta nelle regionali del Meclemburgo-Pomerania Anteriore nel 2016 che nelle contestazioni interne del suo proprio partito (in particolare per la sua politica di accoglienza dei rifugiati) il “crepuscolo dell’era Merkel”.

Martin Schultz, le cui probabilità di diventare cancelliere sono compromesse, ha reagito a questa “pesante” sconfitta dichiarando che non ha nessuna intenzione di abbandonare la corsa.

Commenti