Germania: allarme per il virus respiratorio sinciziale

0
316
Germania: allarme per il virus respiratorio sinciziale

Anche la Germania lancia l’allarme per il virus respiratorio sinciziale. I medici hanno riferito che, a causa del vertiginoso aumento dei casi le unità pediatriche ospedaliere sono al limite.

Allarme in Germania per il virus respiratorio sinciziale

Dopo gli Stati Uniti anche la Germania lancia l’allarme per il vertiginoso aumento di casi del virus respiratorio sinciziale (VRS). Nei giorni scorsi, alcuni ospedali americani hanno riferito di essere sopraffatti. Ora, anche i medici di terapia intensiva in Germania hanno avvertito che le unità pediatriche ospedaliere del paese sono al limite, in parte a causa dell’aumento di casi di infezioni respiratorie tra i neonati.  L’associazione di terapia intensiva DIVI ha affermato che l’aumento stagionale dei casi di virus respiratorio sinciziale e la carenza di infermieri sta causando una “situazione catastrofica” negli ospedali. Ha anche detto che la situazione potrebbe peggiorare nei prossimi giorni.

I medici hanno riferito che sono costretti a prendere decisioni difficili. A causa dei letti di terapia intensiva limitati, sono infatti costretti a decidere a quali bambini assegnarli. In alcuni casi, i bambini con VRS o altre condizioni gravi vengono trasferiti in ospedali altrove in Germania. Altri hanno avvertito che, in alcuni casi, i medici non erano già in grado di fornire le cure urgenti di cui alcuni bambini hanno bisogno. “La situazione è così precaria che dobbiamo davvero dire che i bambini stanno morendo perché non possiamo più curarli“, ha detto il dott. Michael Sasse, capo della terapia intensiva pediatrica presso l’ospedale universitario MHH di Hannover. Il ministro della sanità tedesco, Karl Lauterbach, ha annunciato che il governo sta allentando alcune normative per facilitare il trasferimento degli infermieri alle unità pediatriche e sta fornendo ulteriori 600 milioni di euro agli ospedali pediatrici nei prossimi due anni.


Leggi anche: Virus respiratorio sinciziale: ospedali pediatrici statunitensi sopraffatti