Gelo verso l’Italia quando, come, perché

0
284
Gelo verso l’Italia

Quando, come, perché gelo verso l’Italia. Un quesito che in realtà al suo interno una serie di domande che meritano risposta.

Gelo verso l’Italia. Quando, quanto, come, perché? Un quesito che in realtà al suo interno una serie di domande che meritano risposta. L’ipotesi gelo, si sa, è ipotesi meteo che affascina un po’ tutti. Gli amanti dell’Inverno, i non amanti dell’Inverno, i meteo appassionati, lettori e osservatori del tempo, i semplici curiosi. Ultimamente il quesito più in voga era un altro: come mai tutto quel gelo non è arrivato su di noi?  Ovviamente il riferimento era all’enorme massa d’aria gelida che invadeva l’Europa orientale e che avrebbe potuto raggiungere l’Italia.

Invece no, qualcosa s’è messo di traverso, qualcosa è andato storto. Che cosa? Beh, la tenuta dell’Alta Pressione. Sì, perché invece di continuare a bloccare la circolazione atlantica cederà al ritorno del flusso oceanico. A quel punto, ovvio, l’aria gelida non potrà far altro che tracimare in direzione ovest. Nessun evento, nessuna ondata di gelo natalizia. Era l’ipotesi modellistica di alcuni giorni fa, poi abbiamo dovuto fare i conti con la dura realtà. Affinché l’aria gelida possa tracimare sul Mediterraneo v’è necessità di tutta una serie di tasselli che s’incastrino alla perfezione.

Maltempo nella settimana di Natale pioggia e neve

Tragico bilancio nelle Filippine: Rai lascia morte e devastazione

Gelo russo e correnti atlantiche: grosse sorprese post Natale?

Se l’ingranaggio s’inceppa non c’è niente da fare, dobbiamo farcene una ragione. Ma allora quand’è che potrebbe arrivare l’Inverno? Il vero Inverno? Presto, molto presto. Il gelo, quest’anno, avrà molto chance di vittoria. L’incastro perfetto potrebbe realizzarsi tra non molto, forse addirittura a cavallo tra fine 2021 e inizio 2022. Certe dinamiche, letteralmente esplosive, difficilmente vengono inquadrata dai centri di calcolo a distanze siderali. Spesso e volentieri appaiono da un momento all’altro, inaspettate. 

Il consiglio che sentiamo di dirvi, qualora doveste osservare le varie mappe di previsione, è quello di osservare le proiezioni in maniera diversa. Provate a cogliere le dinamiche emisferiche, o perlomeno continentali. Non soffermatevi soltanto all’Italia, perché in quel modo verrebbe a mancare gran parte del puzzle. Vedrete che tra non molto, forse già tra qualche giorno, nelle code dei modelli previsionali riprenderanno ad apparire ondate di freddo mirabolanti. Anzi, probabilmente ondate di gelo impressionanti. Stavolta sì, potrebbe essere la volta buona.

Fonte: Meteo Giornale