GdF scopre frode in pubbliche forniture: sequestra oltre 1 milione di mascherine

0
178
GdF scopre frode

GdF scopre frode in pubbliche forniture: sequestrati oltre 1 milione e 300 mila dispositivi di protezione individuale

Finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, unitamente a personale della Compagnia di Savona, stanno dando esecuzione, su delega della Procura della Repubblica di Busto Arsizio, ad un decreto di sequestro preventivo GdF scopre frode in pubbliche forniture: sequestrati oltre 1 milione e 300 mila dispositivi di protezione individuale nelle pubbliche forniture (emesso dal Giudice delle indagini Preliminari a quella sede) di oltre 1 milione e 300 mila mascherine di tipo FFP2 e KN95 di provenienza cinese, nella disponibilità di una società con sede legale a Roma e uffici amministrativi a Milano.

L’attività riguarda un’indagine nata agli inizi dell’emergenza pandemica volta a contrastare le illecite forme di importazione e commercializzazione di dispositivi di protezione individuale non conformi alle normative vigenti o prive delle necessarie certificazioni per la vendita nel territorio comunitario.

GdF di Savona: sequestra centro massaggi era una casa di prostituzione

Laigueglia (Savona) – Tragico schianto frontale sull’Aurelia: morti e feriti

Savona – Travolti e uccisi da un treno due profughi: volvono raggiungere la Francia

GdF scopre frode in pubbliche forniture: sequestrati oltre 1 milione e 300 mila dispositivi di protezione individuale. Nello specifico, vengono sottoposti a sequestro dispositivi di protezione individuale (mascherine FFP2/KN95) detenuti, in parte, presso alcuni magazzini siti in Lombardia, destinati ad essere consegnati al Dipartimento della Protezione Civile in virtù di una commessa sottoscritta nel mese di marzo 2020 e, in parte, presso un Ente di supporto tecnico amministrativo per la Regione Toscana, ubicato in provincia di Pisa.

In sintesi, le mascherine sono risultate significativamente diverse da quelle pattuite in particolare per la qualità dei dispositivi, con un potere filtrante inferiore rispetto allo standard promesso, non adatte neppure alla commercializzazione in assenza di adeguata certificazione.

Il valore commerciale della merce sottoposta a sequestro è pari a oltre 3,2 milioni di euro.