GdF di Monza e Bergamo: sequestrano 440 km di cavi elettrici e 2 mila adattatori non conformi

0
356
GdF di Monza e Bergamo

GdF di Monza e Bergamo: Sequestrati oltre 440 chilometri di cavi elettrici e circa 2 mila adattatori non conformi

GdF di Monza e Bergamo: a seguito dell’intensificazione del controllo economico del territorio ai fini del contrasto all’importazione ed alla vendita di beni non conformi agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale e dell’Unione Europea, hanno individuato e sequestrato migliaia di prodotti elettrici non sicuri.

L’attività, originata dallo sviluppo di elementi informativi segnalati dalla Componente speciale della Guardia di Finanza in materia di tutela del Mercato dei Beni e dei Servizi, ha interessato quattro società gestite da cittadini di etnia cinese, tutte ubicate presso lo stesso stabile industriale in Brianza, destinato per circa 10.000 metri quadrati a magazzino centralizzato.

All’esito delle investigazioni e dell’esame documentale effettuato sul posto dai Finanzieri dei Nuclei di Polizia Economico – Finanziaria di Monza e Bergamo, le Fiamme Gialle hanno scoperto, stoccate in magazzino, oltre 3.700 bobine per complessivi 444.000 metri di cavo elettrico (in grado di coprire ad esempio una distanza tra Milano e Trieste) e circa 2.000 apparecchi (catalogati come adattatori elettrici) privi della marchiatura “CE” e della prescritta dichiarazione di conformità “UE”, accertandone altresì la detenzione per l’immissione sul mercato, anche attraverso la Grande Distribuzione Organizzata.

Ennesima tragedi sul lavoro a Bergamo: muore 36enne all’interno della Toora Casting

Indagine “Handbrake” a Bergamo: 2 arresti e 4 denunciati

L’individuazione dell’intero stock di materiale elettrico non conforme – potenzialmente pericoloso per la salute e l’incolumità dei cittadini anche in considerazione della sua natura e per l’utilizzo a stretto contatto con la persona e, come tale, sequestrato in via amministrativa – ha consentito l’applicazione di norme sanzionatorie di cospicua entità, con contestuale segnalazione dei rappresentanti legali delle società alla Camera di Commercio di Milano, Monza e Lodi.

L’azione di servizio rientra nell’ormai consolidato ampio piano di contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale programmato dalla Guardia di Finanza, a testimonianza dell’impegno quotidianamente profuso dai Reparti del Corpo a tutela dei consumatori e di un mercato sano e competitivo.