Nell’anticipo infrasettimanale dell 34° giornata di Serie B il Frosinone sciupa l’opportunità di allungare su Verona e Spal facendosi recuperare dall’Avellino a dieci dalla fine con un gran gol di Castaldo.

Per questa partita Marino decide di sostituire lo squalificato Soddimo con Sammarco e tornano titolari, rispetto all’ultima gara anche Mazzotta e Russo, nell’Avellino invece spazio a Bidaoui, che sostituisce lo squalificato Ardemagni, a sostegno di Eusepi.

PRIMO TEMPO – I padroni di casa iniziano molto bene la partita cercando subito la via del gol e portando in attacco molti uomini, schiacciando nella propria metà campo la squadra avversaria. Al 5° minuto uno scatenato Dionisi, autore di un eccellente prestazione, riceve palla da Mazzotta trovando solo l’esterno della rete.

Gol del vantaggio che non tarda ad arrivare per la formazione ciociara che al 15° recupera palla in difesa e con un lungo lancio serve Mazzotta che mette al centro per Dionisi il quale non si fa pregare e con un colpo di testa batte Radunovic siglando la sua 14° rete stagionale.

L’Avellino non riesce a portarsi pericolosamente in attacco ed è in completa balia del gioco dei padroni di casa che tentano di trovare il gol del doppio vantaggio ancora Dionisi ma il suo destro a giro da fuori area esce di poco sul fondo.

Al 31° cambio obbligato per Novellino che fa accomodare in panchina l’infortunato Moretti per l’ingresso di Castaldo; il Frosinone voglioso di riscattare la non brillante prestazione nell’ultimo turno con il Cesena spinge sempre più in attacco andando vicina più volte alla rete, prima con Maiello che da solo in area controlla male favorendo la parata di Radunovic e poi con Fiamozzi che al momento del tiro viene anticipato dall’intervento provvidenziale in scivolata di Djimsiti.

Sul finale di primo tempo l’Avellino ha la possibilità di riportare in parità la partita dopo aver sofferto per tutta la prima frazione, mischia in area di rigore, tentano il tapin vincete sia Castaldo, per due volte, che Eusepi sotto porta, ma Bardi in extremis allontana la palla sventando il gol.

SECONDO TEMPO – Ad inizio ripresa Marino effettua il primo cambio a disposizione togliendo Ariaudo per Krajnc; anche nella seconda metà di gioco i padroni di casa prendono in mano le redini del gioco, addormentando la partita e giocando su ritmi più blandi, non creando molte occasioni importanti.

Al 60° l’Avellino si riaffaccia in attacco collezionando calci d’angolo ma non riuscendo però ad impensierire Bardi, al 66° Fiamozzi sugli sviluppi di una punizione ribatutta di Dionisi, effettua un tiro cross ma la sua conclusione non crea alcun problema alla difesa irpina.

Al 70° seconda sostituzione per entrambi i tecinici, per il Frosinone Crivello subentra al posto di Mazzotta, mentre per gli ospiti Belloni rileva Gonzalez.

Dionisi il migliore dei suoi per qualità del gioco e occasioni create ci prova alla mezz’ora di gioco direttamente da punizione ma la sua conclusione è bloccata a terra dall’attenta presa in tuffo di Radunovic. Passano appena due minuti e l’Avellino trova inaspettatamente la rete del pareggio con lo splendido gol di Castaldo, sugli sviluppi di un calcio di punizione la difesa padrona di casa allontana sui piedi del giocatore entrato nel primo tempo che da posizione defilata lascia partire una conclusione potente e precisa che impatta sul palo e si deposita in rete, non lasciando scampo a Bardi.

Da questo momento la sfida entrata su ritmi un po sonnolenti si anima con il Frosinone alla disperata ricerca del gol partita, Marino tenta il tutto per tutto inserendo Kragl al posto di Sammarco mentre Novellino fa entrare dalla panchina l’ex della gara Verde per Eusepi.

I ciociari negli ultimi cinque minuti vanno più volte vicina alla rete del 2-1, prima con Terranova che con gran tiro al volo centra in pieno la traversa e poi con il neo entrato Kragl direttamente da punizione che finisce fuori di un soffio.

La partita finisce sul risultato di 1-1, punto d’oro per gli uomini di Novellino che dopo aver fermato la Spal mettono i bastoni fra le ruote anche al Frosinone che con questo risultato rimane si primo in classifica ma lontano solo tre lunghezze da Verona e Spal.

 

 

 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here