Freya Ridings: E’ uscito l’omonimo album – Recensione

0
499

Lalbum omonimo di debutto della cantautrice britannica Freya Ridings è un triste riflessione sul dolore e sulla vulnerabilità. All’interno dell’album l’artista esplora l’amore e le sue sfumature grazie alla sua voce di prim’ordine e alla sua spiccata abilità nella scrittura.

Ridings si apre con “Poison”, una canzone guidata dal pianoforte. Inizia come la luce leggera dell’alba, ma il sound diventa presto caldo. Freya sfodera la sua voce soul, il suo valore aggiunto è che lei stessa rifiuta di risparmiare il suo pubblico; non dal dolore, né dalla gioia. Oscilla magnificamente, se un po ‘come un colpo di frusta, tra brani pop uptempo come “Castles” a ballate introspettive e seducenti come “Ultraviolet”, una melodia che evidenzia gli elementi più eterei e oscuri del lavoro di scrittura della Ridings.

La canzone più sorprendente dell’album potrebbe essere “Unconditional”, canzone delicata e lenta che chiude quasi il lavoro. Una delle poche tracce in cui l’artista parla delle cose dolci che arrivano con l’amore. Su “Holy Water”, è facile vedere dove le persone hanno tratto paragoni con Florence Welch.

L’indiscutibile trionfo di questo album è senza dubbio la voce di Freya Ridings, che si libra. È molto raro trovare una voce che suona identica nelle esibizioni dal vivo come su una traccia in studio, ma l’artista è sicuramente uno di quei cantanti. Per i primissimi fans che seguono l’artista, l’album che ha confezionato l’artista suonerà familiare. Contiene in gran parte versioni in studio di brani pubblicati nei suoi due album dal vivo, questo album si presenta come un corpus completo e pieno di opere per un’artista di talento che è ancora molto giovane e nonostante il suo grande successo fino ad ora, sta ancora cercando di farsi spazio all’interno del grande mercato discografico. Voto 4/5 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here