47 millioni

Sono 47 milioni i francesi chiamati alle urne oggi, secondo i dati forniti dal ministero dell’interno francese. Questa cifra comprende i residenti all’estero che stanno già votando da ieri. Tra di loro i francesi di Montreal che hanno fatto fino a 3 ore di fila per poter esercitare il loro diritto.

66 546

66 546 i seggi che rimarranno aperti sul territorio nazionale dalle 8 alle 19 e fino alle ore 20 in alcune grandi città.

57 000

In totale sono 50.000 poliziotti e gendarmi e 7.000 militari mobilizzati a traverso il paese. È la prima volta che un’elezione presidenziale si svolge con uno stato d’emergenza in vigore.

10

Si tratta della decima elezione presidenziale della V repubblica. La prima dal 1974 (anno in cui morì nel esercizio delle sue funzioni l’allora presidente Georges Pompidou) che non vi vede partecipare il presidente uscente.

11

Undici i candidati in corsa per questo primo turno. Emmanuel Macron, il leader del movimento En Marche! nuovo arrivato e favorito dei sondaggi, Marine Le Pen che si presenta per la seconda volta, François Fillon, vincitore della primaria di destra, Jean-Luc Mélenchon, quarto qualificato all’elezione del 2012. Benoit Hamon vincitore “sorpresa” della primaria socialista, l’anti federalismo europeo Nicolas Dupont-Aignan, i candidati di estrema sinistra Philippe Poutou et Nathalie Arthaud, il deputato Jean Lassalle, il veterano Jacques Cheminade e il candidato “Frexit” François Asselineau.

20

L’immagine attesissima dei due candidati finalisti potrebbe non arrivare alle ore 20 a causa del poco scarto tra i primi quattro candidati.

227,9 milioni

Il costo dell’elezione presidenziale del 2012. Il conto di quest’anno si preannuncia già molto più salato.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here