Francia e Italia cercano un’alternativa al gas russo

0
416
Cremlino: forniture gas riprenderanno con stop sanzioni

Italia e Francia cercano un’alternativa al gas russo. Roma ha siglato numerosi accordi con l’Algeria, soprattutto nel settore energetico. Parigi si è invece assicurata nuove forniture di energia dagli Emirati Arabi Uniti.

Italia e Francia cercano un’alternativa al gas russo?

L’Europa cerca di dipendere sempre meno dalla Russia. Italia e Francia stanno cercando l’alternativa al gas russo. Il governo italianano ha siglato una serie di accordi con l’Algeria. Durante una visita ad Algeri nell’ambito del quarto vertice intergovernativo Italia-Algeria, il Primo Ministro italiano Mario Draghi e il Presidente algerino Abdelmadjid Tebboune hanno firmato 15 accordi e protocolli d’intesa in aree che vanno dall’energia allo sviluppo sostenibile, alla giustizia e alle microimprese. “L’Algeria è un partner molto importante per l’Italia, nel settore energetico, nell’industria e negli affari, nella lotta alla criminalità e nella ricerca di pace e stabilità nel Mediterraneo”, ha affermato Draghi. Il premier ha poi sottolineato che l’Algeria è “diventato negli ultimi mesi il più grande fornitore di gas” dell’Italia.

Anche la Francia ha stretto nuovi accordi. Parigi si è assicurata la promessa di nuove forniture di energia dagli Emirati Arabi Uniti dopo i colloqui tra il presidente Emmanuel Macron e il leader degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Mohamed bin Zayed Al-Nahyan. Dopo l’incontro tra i due capi di Stato è stato firmato un accordo tra il colosso energetico francese TotalEnergies e la compagnia petrolifera statale degli Emirati Arabi Uniti ADNOC “per la cooperazione nel settore dell’approvvigionamento energetico“. “Gli Emirati Arabi Uniti sono desiderosi di sostenere la sicurezza energetica nel mondo in generale e in Francia in particolare”, ha detto lo sceicco Mohamed a Macron, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa statale degli Emirati WAM.


Leggi anche: Gasdotto russo-cinese: la costruzione inizierà nel 2024