Fortuna Cools Bags: contenitori di cocco riciclati senza plastica

0
223

Fortuna Cools, una startup agritech con sede nelle Filippine che produce refrigeratori sostenibili in fibra di cocco, ha chiuso il suo round di finanziamento. L’azienda è sostenuta da ADB Ventures, il braccio di investimento di impatto di Asian Development Bank. Userà i fondi per aumentare la produzione della sua alternativa biodegradabile senza plastica ai tradizionali contenitori di polistirolo.

Fortuna Cools: come sono fatti i nuovi contenitori in fibra di cocco?

La startup Fortuna Cools, con sede a Manila, ha raccolto una quantità non rivelata di finanziamenti. L’agritech, la cui soluzione ha vinto quest’anno l’Ocean Innovation Prize dell’UNDP, dice che il capitale andrà verso l’aumento della produzione e il lancio del suo secondo prodotto, che è progettato per i consumatori. Il primo prodotto di Fortuna Cools, Coconut Cooler, è fatto con fibra di cocco riciclata proveniente da piccole comunità agricole in collaborazione con l’organizzazione no-profit Rare. I contenitori, destinati a distributori di cibo, cooperative di agricoltori e supermercati, sono biodegradabili e creati per sostituire l’uso insostenibile di scatole di polistirolo usate per isolare cibi freschi e prodotti nel trasporto e nell’imballaggio. Tutti sentiamo la necessità di meno rifiuti di plastica, dai commercianti di pesce ai bagnanti, mentre i piccoli coltivatori di cocco oggi non hanno altra scelta che bruciare le bucce avanzate.

David Cutler, co-fondatore e CEO, Fortuna Cools

La startup, fondata nel 2018 da David Cutler e Tamara Mekler, si sta preparando a lanciare il suo secondo prodotto chiamato Nutshell Cooler, il suo primo prodotto rivolto al consumatore. Anch’esso realizzato in fibra di cocco riciclata, il contenitore è pieghevole ed è progettato per applicazioni di imballaggio alimentare quotidiano. “Il Nutshell Cooler è costruito con il nostro stesso isolamento in fibra naturale che abbiamo sviluppato negli ultimi anni. Ma ci sono varie differenze nel design per renderlo adatto alle attività ricreative all’aperto e all’uso casuale, [come] viaggi in spiaggia, fughe di fine settimana, anche la spesa”, ha detto il CEO Cutler a e27 in una recente intervista. Una parte dei fondi freschi andrà inoltre verso la crescita dei team di vendita e di ingegneria della startup, abbassando i costi e aumentando la sua capacità al fine di avere un impatto su larga scala sui piccoli coltivatori di cocco nelle Filippine. “Sentiamo la richiesta di meno rifiuti di plastica tra tutti, dai commercianti di pesce ai bagnanti, mentre i piccoli coltivatori di cocco non hanno altra scelta che bruciare i loro mucchi di gusci avanzati“, ha detto Cutler.


Cucina zero waste: una rivoluzione semplice
Bic lancia il primo rasoio di bambù ricaricabile


L’innovazione di Fortuna Cools

La soluzione di isolamento basata sulla natura di Fortuna non solo mira a sostituire la schiuma di plastica, ma così facendo fornirà alle comunità una soluzione di conservazione del freddo più robusta e meno costosa. Ross Brooks, direttore degli investimenti, Katapult Ocean ha dichiarato “Siamo orgogliosi di essere pionieri di un nuovo tipo di refrigeratore, e siamo orgogliosi che l’impatto positivo sia incorporato in ogni fibra che usiamo“. Commentando la decisione di sostenere la startup, Ross Brooks, investment manager di Katapult Ocean, ha detto: “La soluzione di isolamento basata sulla natura di Fortuna non solo mira a sostituire la schiuma di plastica, ma così facendo fornirà alle comunità una soluzione di conservazione del freddo più robusta e meno costosa.” “L’innovazione dei materiali è la chiave per risolvere il problema dei rifiuti di plastica nei nostri oceani“, ha aggiunto Brooks. Mentre la consapevolezza della crisi globale della plastica cresce, più investitori stanno ora puntando su imballaggi innovativi, con un certo numero di aziende che sviluppano soluzioni sostenibili che hanno attirato finanziamenti di recente, come la startup di borse compostabili Tipa e la società di contenitori per alimenti in fibra vegetale di Hong Kong Ecoinno.

Commenti