Fortnite: uscita della nuova stagione posticipata

0
395
Fortnite: uscita della nuova stagione posticipata

Epic Games ha ritardato l’uscita della terza stagione del capitolo due di Fortnite, che stava per essere rilasciato in queste settimane, fino a giugno.

LEGGI ANCHE: Fortnite: la campagna di promozione della seconda stagione
Fortnite: Love and War sarà il primo grande evento del 2020
Fortnite: uno youtube viene bannato a vita

Fortnite rimanda l’uscita della nuova stagione

Fortnite è uno dei videogiochi più famosi al mondo, che attira milioni di giocatori e spettatori. Epic Games non ha dichiarato il motivo il ritardo, potrebbe essere correlato alle restrizioni del Coronavirus che hanno costretto gli sviluppatori a lavorare da casa. In ogni caso, questa non è la prima volta che Fortnite ha rimandato l’uscita di una stagione.

Ogni stagione porta aggiornamenti e modifiche ai giochi per mantenere i giocatori impegnati. L’obiettivo del giocatore di Fortnite, come tutti i giochi di battaglia, è quello di essere l’ultimo in piedi, anche si lavora in team per gran parte del tempo.

Cosa cambierà nella nuova stagione?

In un post sul blog che annuncia il ritardo alla stagione 3, il team di Fortnite ha dichiarato che si estenderà e aggiungerà nuove funzionalità alla stagione in corso.

“Abbiamo molti aggiornamenti di gioco in arrivo che offriranno un gameplay nuovo, nuove sfide, bonus XP [punti esperienza] e un paio di altri assi nella manica”, ha scritto la società.

La prima stagione del capitolo 2, lanciata nell’ottobre 2019, è durata mesi più a lungo del previsto poiché gli sviluppatori hanno subito ritardi multipli. Ma nonostante il rilascio a volte lento degli aggiornamenti, Fortnite è rimasto popolare. Come altri e-sport e giochi online, ha visto crescere il numero dei giocatori durante il blocco del Coronavirus.

“Un ritardo potrebbe influire sul pubblico di [Fortnite] nello stesso modo in cui altri giochi popolari tendono a oscillare tra gli aggiornamenti, ma alla fine persevererà”, ha dichiarato Doron Nir, co-fondatore del fornitore di servizi di streaming live StreamElements.

Questo non è il primo ritardo che l’industria ha visto durante l’epidemia di Coronavirus.

Gli sviluppatori di giochi possono lavorare da casa ma ci sono delle limitazioni. La maggior parte degli sviluppatori non ha la stessa potenza di elaborazione e grafica sui loro computer domestici che avrebbero al lavoro. Molte aziende richiedono inoltre agli sviluppatori di seguire rigide linee guida per mantenere segreti i nuovi giochi, il che può impedire che alcuni aggiornamenti avvengano al di fuori dell’ufficio di un’azienda.

Commenti