Forti bufere di neve Nord Est della Cina: erano 116 anni che non si registravano

0
374
Forti bufere di neve

Forti bufere di neve Nord Est della Cina: erano 116 anni che non si registravano sollevando preoccupazioni sul mantenimento del caldo nelle case

Forti bufere di neve in alcune parti della Cina nord-orientale hanno portato nevicate record, sollevando preoccupazioni sul mantenimento del caldo nelle case in un’area colpita da interruzioni di corrente all’inizio di quest’anno. Nella capitale Shenyang, nella provincia di Liaoning, le nevicate medie hanno raggiunto i 51 cm (20 pollici). Questa è la nevicata più alta registrata dal 1905, ha affermato l’agenzia di stato Xinhua. Nella vicina Mongolia interna, una persona è morta e più di 5.600 sono state colpite da una forte tempesta di neve.

I ricercatori meteorologici nella città mongola di Tongliao hanno dichiarato al Global Times che la tempesta di neve è stata un evento meteorologico estremo estremamente casuale e improvviso. Un totale di 27 allarmi rossi sono stati emessi nella Mongolia interna e nella Cina nord-orientale, il più alto allarme per le tempeste di neve.

L’ondata di freddo, iniziata domenica, ha fatto precipitare le temperature di almeno 14 gradi in alcune zone della Cina nord-orientale. A Liaoning, il traffico è stato gravemente colpito dal pesante attacco, con la maggior parte dei caselli autostradali chiusi da martedì. Anche le stazioni dei treni e degli autobus sono rimaste chiuse, ad eccezione di quelle nelle città di Dalian e Dandong.

Ciclone super attivo sul Mediterraneo con alluvioni e grandine grossa

L’Inverno sta per arrivare: potrebbe fare il botto sull’Italia

Le autorità hanno affermato che stanno intensificando gli sforzi per mantenere calde le case aumentando le importazioni di carbone e massimizzando la capacità di produzione di energia. Ha inoltre esortato i mercati e i negozi di alimentari ad aumentare le scorte di cibo e ridurre i prezzi. La regione nord-orientale della Cina è stata una delle aree particolarmente colpite dalle interruzioni di corrente nel settembre di quest’anno, con l’aumento dei costi che ha contribuito a una carenza di carbone, hanno affermato i media locali.

Ma sebbene la crisi energetica si sia allentata, la State Grid Corp cinese aveva ancora avvertito in precedenza di un “equilibrio generale stretto con divari parziali” tra l’offerta e la domanda di energia durante l’inverno. La Cina è fortemente dipendente dal carbone per l’energia, anche se il leader cinese Xi Jinping ha promesso che il suo paese raggiungerà il picco di emissioni di carbonio entro nove anni.